Harry Potter e la camera dei segreti: recensione

di Pietro Ferraro 7

 Harry potter (Daniel R adcliffe) è pronto a tornare ad Hogwarts per il secondo anno scolastico, anzi diciamo che non vede l’ora visto il sempre più insopportabile comportamento dei suoi zii e del cuginastro Dudley.

La visita dell’elfo domestico Dobby  che avverte Harry di un imminente pericolo che lo riguarda non convince il maghetto in erba che si reca ugualmente ad Hogwarts dove al suo arrivo cominciano a verificarsi strani ed inquietanti accadimenti.

Alcuni alunni della scuola vengono trovati pietrificati, sui muri della scuola compaiono strane e minacciose scritte ed Harry si scopre a parlare una lingua antica, pericolosissima e mai conosciuta.

la scoperta del diario di un ex-alunno, Tom Orvoloson Riddle, che apparirà ad Harry in forma di spettro e che gli rivelerà un terribile segreto porterà Harry e compagni alla scoperta di una camera segreta abitata da un mostruoso serpente e che dietro alle pietrificazioni c’è ancora una volta lo zampino di Lord Voldermort…

Secondo capitolo della saga del maghetto più famoso del pianeta, il regista Chris Columbus vira sul dark e il mondo già goticheggiante del primo capitolo si incupisce e si popola di creature mostruose e atmosfere inquietanti.

Questo sarà la direzione che prendera d’ora in avanti la saga che con la maturazione del protagonista, la scoperta di nuovi e oscuri poteri e intrighi di palazzo, pardon di castello, acquisterà un vigore narrativo decisamente più adulto, alla costante ricerca di un pubblico più variegato.

La formula comunque non cambia, gli inseparabili amici ed il malvagio Voldemort rimarranno il fulcro della narrazione, e il demone-serpente del  finale darà luogo ad un intrigante e coreografico duello ricco di effetti speciali. Non mancheranno inoltre i personaggi cardine della serie dal gigante buono Agrid all’ambiguo professor Severus Piton magistralmente interpretato da un ironico e compiaciuto Alan Rickman.

Se avete amato il primo capitolo e siete Pottermaniaci inutile consigliarvi un film che vi piacerà a prescindere, invece per tutti gli altri il consiglio è di dargli un’occhaita più che altro per l’intrigante ambientazione e per un look insolitamente accattivante.

Commenti (7)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>