Harry Potter e l’Ordine della Fenice, recensione

di Pietro Ferraro 13

Lord Voldemort (Ralph Fiennes) sembra intenzionato ad eliminare la sua giovane nemesi, i dissennatori, ambigue creature al suo servizio, tentano di attaccare Harry potter (Daniel Radcliffe) e suo cugino Dudley durante le vacanze estive, Harry utilizza un incantesimo per difendersi e incorre nelle ire del Ministero della magia rischiando un’espulsione.

Potter visti i pericolosi precedenti decide di trascorrere il resto della sua vacanza in casa di Sirius black (Gary Oldman), suo padrino, grande amico dei suoi genitori e membro del misterioso Ordine della Fenice, un gruppo di maghi capitanati da Albus Silente (Michael Gambon) che ha lo scopo di osteggiare in qualunque modo l’avanzata di Lord Voldemort e dei suoi Mangiamorte.

Il ritorno a Hogwarts di Harry dopo le peripezie estive non è affatto indolore, c’è aria di cospirazione, il Ministero della magia accusa Silente di cospirare contro l’autorità e invia un’ispettrice, la temibile Dolores Umbridge (Imelda Staunton), a ispezionare scuola e studenti e con il compito di sradicare con la forza qualsiasi forma di ribellione e sospetto sovversivo.

Harry deciderà che è ora di scendere in campo, reclutando alcuni suoi amici fidati formerà un piccolo esercito, e affronterà Lord Voldermot e i suoi Mangiamorte tra le mura del Ministero della magia per un duello all’ultimo incantesimo, che purtroppo vedrà la morte di un caro amico e la rivelazione di una funesta profezia.

Il quinto capitolo dell’ex-maghetto è affidato al regista inglese di provenienza televisiva David Yates, ex perche Potter è ormai cresciuto e non solo fisicamente, più maturo e sempre più consapevole del suo ruolo ci regala un capitolo adulto e squisitamente dark, in cui il protagonista affronta se stesso, la guerra e il dolore della perdita.

Harry Potter e l’Ordine della Fenice è uno dei migliori capitoli della serie, abbandonata lentamente la veste più infantile e sognante, l’ambiguità avvolge man mano i personaggi, la trama si tinge di thriller e atmosfere complottistiche, il tradimento e la sofferenza sono dietro l’angolo e la cruenta battaglia finale chiama con decisione all’appello un pubblico più adulto.

Commenti (13)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>