Il cinema del 2014 nel segno della città di New York

di Cinemaniaco Commenta

Impossibile parlare di cinema senza parlare della “Grande Mela”. Forse, New York è la città per eccellenza per quanto concerne la setitma arte. Così, il 2014 diventa l’anno buono per farla tornare ai suoi fasti abituali. Quelli dipinti magistralmente da Woody Allen in “Manhattan”, tanto per fare un sempio.

Sono quattro i film in uscita ambientati nella capitale del mondo.

C’era una volta a New York

Arriverà nei prossimi mesi. La regia è affidata a James Gray, newyorkese ma figlio di genitori russi già soprannominato da alcuni critici come il nuovo Scorsese. Il film è in uscita il 9 gennaio, Nel suo nuovo film, ispirato alla storia dei suoi nonni, Gray racconta l’odissea di una giovane immigrata polacca (Marion Cotillard) che per cercare di far dimettere la sorella, in quarantena ad Ellis Island, sarà pronta a tutto.

The Wolf of Wall Street

Ambientato invece negli anni Ottanta il film del Martin Scorsese ‘originale’, che torna in compagnia del suo attore preferito: Leo DiCaprio. “The Wolf of Wall Street” arriverà nelle sale il prossimo 23 gennaio, sullo sfondo del quartiere finanziario per antonomasia. Il più famoso al mondo. Qui si narra dell’ascesa di un broker che si muove tra sesso, droga, soldi con un tono di commedia che gli ha assicurato due candidature ai Golden Globe (film e protagonista) e un posto di diritto tra i film dell’anno già conservato dall’American Film Institute.

Due giorni a New York

L’attrice e regista francese Julie Delpy (nota per la saga romantica di Richard Linklater, inaugurata con Prima dell’alba) torna con una commedia degli antipodi, degli equivoci e delle battute buffe. Dopo Due giorni a Parigi la Delpy cambia compagno (al posto di Adam Goldberg arriva il comico afroamericano Chris Rock) e ripropone l’incontro (disastroso) tra fidanzato e familiari.

Storia d’inverno

Copre un arco di 100 anni e mostra in pochi secondi, con l’aiuto della computer graphica naturalmente, come questi 100 anni siano passati sul suolo di New York. Una città impossibile da dimenticare, quando si parla di cinema.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>