I bruttissimi: Il prescelto

di Redazione 2

Parafrasando la famosa commedia con Reneè Zellweger, si potrebbe dire Bel pasticcio Mr. Cage!, perchè nel film Il prescelto vengono a galla tutte le lacune a livello attoriale del simpatico e monoespressivo attore americano.

Purtroppo il mio cruccio rimarrà sempre quello di essermi lasciato abbindolare dall’intrigante trama e dalla parvenza di thriller sovrannaturale investigativo che tutto il battage pubblicitario dava  per scontato e che in realtà è inesistente.

Solo un regista come David Lynch avrebbe potuto dare spessore allo spento detective interpretato da Nicolas Cage che sonnolento si aggira in una anomala comunità new-age in  cui vige la legge del matriarcato e dove gli uomini sono una sorta di automi da riproduzione e una inquietante matrona governa su tutti.

Così espressione corrucciata d’ordinanza, occhione languido, e una tecnica investigativa a metà strada tra l’ispettore Closeau e uno Sherlock Holmes sbronzo e orfano dell’indispensabile Watson, il detective Cage cerca di risolvere un caso che interessa solo a lui.

Certo che se Cage voleva darsi la zappa sui piedi ci è riuscito, purtroppo l’ha fatto a spese nostre e  meritandosi due belle nomination ai Razzie award americani. come peggior film dell’anno e peggior attore, solo l’inutile e triste sequel Basic istinct 2 e la sua disperata protagonista Sharon Stone gli hanno per un soffio strappato la vittoria.

Diciamocelo, quando Cage nel finale viene inserito all’interno del ridicolo pupazzone di legno pronto per essere arrostito a puntino, non possiamo negare di aver provato un pò di soddisfazione nel vederlo rantolare tra le fiamme, salvandoci così da un eventuale sequel da incubo.

Commenti (2)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>