Francisco Goya arriva al cinema, ma solo per due giorni

di Cinemaniaco Commenta

Numerose le riprese, che vanno dalla bellissima campagna di Siviglia alle grandi cappelle sino ai palazzi reali di Madrid e delineano ispirazione e scenari che fanno da sfondo alle opere più amate di Francisco Goya

Si intitola “Goya – Visioni di carne e sangue” e arriva nei cinema italiani distribuito da Nexo Digital solo per due giorni, nell’ambito della Stagione della Grande Arte al Cinema.

Nel corso del film gli spettatori potranno esplorare la mostra della National Gallery di Londra, godendo della guida del primo curatore dell’esposizione, Xavier Bray. Inoltre, potranno acquisire una migliore comprensione della psicologia del pittore attraverso le interviste con artisti moderni e stimati come Dryden Goodwin e Nicola Philipps.

Le opere in mostra presso il museo londinese sono filmate in “Goya – Visioni di carne e sangue” con immagini in altissima risoluzione, le quali rivelano le strabilianti capacità del pittore spagnolo come ritrattista e commentatore sociale.

Ulteriori filmati dietro le quinte svelano inoltre i processi di conservazione e curatela, fondamentali per la preparazione di questo spettacolo unico. Il film rappresenta infatti un ulteriore approfondimento rispetto a una classica visita in galleria, offrendo allo spettatore la possibilità di osservare da vicino le opere d’arte, analizzando anche dipinti non presenti in mostra.

“Goya – Visioni di carne e sangue” esplora in maniera molto profonda la vita movimentata di Goya nell’arco di ben ottanta anni, ripercorrendo le tappe della sua splendida produzione artistica e le ultime scoperte sulla sua biografia. Numerose le riprese, che vanno dalla bellissima campagna di Siviglia alle grandi cappelle sino ai palazzi reali di Madrid e delineano ispirazione e scenari che fanno da sfondo alle opere più amate di Francisco Goya. Il film inoltre consente al pubblico di entrare al Museo Nazionale del Prado a Madrid, presentando una serie di importanti opere dell’artista, tra cui La famiglia di Carlo IV, che illumina ulteriormente il suo rapporto con l’alta società spagnola.

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>