10 fanta-horror da brividi

di Pietro Ferraro 5

In occasione dell’uscita proprio oggi nelle sale del film Pandorum-L’universo parallelo, abbiamo scelto di stilare una delle nostre classifiche particolari con una top ten dei più inquietanti fanta-horror di sempre limitandoci naturalmente a pellicole con ambientazione fantascientifica, lasciando il fantasy con suggestioni horror per un’altra occasione.

Quindi non potevamo certo dimenticare i primi due film dedicati all’ansiogena icona fanta-horror Alien, che grazie alla muscolare rilettura tra action e war-movie del regista James Cameron ha figliato uno dei sequel più belli della storia del cinema di genere, idem per il cugino Predator che in questi ultimi anni ha vissuto una corposa serie di rivisitazioni, crossover e sequel, vedi il recente Predators che però non hanno purtroppo raggiunto i picchi di tensione delle ansiogene atmosfere da foresta pluviale dell’originale di John McTiernan.

Naturalmente oltre ai grandi titoli che rappresentano dei veri  e propri punti di riferimento e di svolta per il filone, che ormai ibridatosi come l’incubo genetico del Predalien rappresenta a tutti gli effetti un genere a se, ci sono dei piccoli gioielli come Dark City di Alex Proyas che anticipa Matrix e sfrutta splendide suggestioni noir e Punto di non ritorno del veterano da cinegame Paul WS Anderson, il regista di Resident evil e Mortal Kombat pesca suggestioni da infernali dimensioni parallele tra Hellraiser e Lovecraft e psico-reminiscenze dal thriller di Schumacher Linea mortale, trasformando un’astronave abbandonata in un oscuro portale infradimensionale.

Di seguito troverete la nostra classifica con annessa qualche curiosità sulle pellicole. Buon proseguimento.

1-ALIEN di Ridley Scott (USA/GB, 1979)

Curiosità: il film figlierà tre sequel tutti interpretati dalla protagonista dell’originale Sigourney Weaver, che in occasione del quarto capitolo, Alien Resurrection verrà addirittura clonata.

2-ALIENS-SCONTRO FINALE di James Cameron (USA,1986)

Curiosità: la memorabile regina aliena che esordisce in questo film fu creata da Stan Winston che non avendo a disposizione l’odierna CGI creò una creatura alta oltre quattro metri mossa da sedici marionettisti.

3-PREDATOR di John McTiernan (USA, 1987)

Curiosità: in origine la controfigura del Predator doveva essere l’attore e atleta Jean-Claude Van Damme, sostituito poi in corsa dal più imponente Kevin Peter Hall.

4-DARK CITY di Alex Proyas (USA, 1998)

Curiosità: Molti degli elementi del film di Proyas come l’eletto e la manipolazione e percezione della realtà,  li ritroveremo un anno dopo nel cult dei fratelli Wachowski Matrix.

5-LA COSA di John Carpenter (USA, 1982)

Curiosità: ad oggi gli effetti speciali creati da Rob Bottin, premio Oscar per Atto di forza e creatore del look di Robocop, restano tra i più disturbanti della storia del cinema e diedero all’epoca più di qualche problema a Carpenter.

6-PUNTO DI NON RITORNO di Paul WS Anderson (USA, 1997)

Curiosità: Molte delle claustrofobiche suggestioni del film le ritroviamo nel survival-horror Dead Space, videogame per consolle che oltre ad un prequel d’animazione è in procinto di approdare sul grande schermo.

7-TERRORE DALLA SESTA LUNA di Stuart Orme (USA, 1994)

Curiosità: sottovalutato thriller fantascientifico con reminiscenze dal classico L’invasione degli ultracorpi di Don Siegel, gli alieni del film hanno un look palesemente ispirato ai neuroparassiti del pianeta Deneva protagonisti di un episodio della serie classica di Star Trek.

8-BLOB: IL FLUIDO CHE UCCIDE di Chuck Russell (USA, 1988)

Curiosità: remake del classico del 1958 Blob-Il fluido che uccide con l’aggiunta di effetti speciali di altissimo profilo, tra gli sceneggiatori figura il Frank Darabont futuro regista di Le ali della libertà e Il miglio verde.

9-SPECIES: SPECIE MORTALE di Roger Donaldson (USA, 1995)

Curiosità: L’aliena Sil che compare nel finale del film è stata ideata dall’artista svizzero H.R. Giger, creatore dell’organismo xenomorfo protagonista dell’Alien di Ridley Scott.

10-FANTASMI DA MARTE di John Carpenter (USA, 2001)

Curiosità: Carpenter come fece a suo tempo con il suo thriller-action Distretto 13 rivisita il genere, stavolta è la fantascienza ad essere ibridata con il western.

Commenti (5)

  1. Il solo fatto che manchi Il seme della follia la dice lunga su questa specie di classifica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>