Venezia 70: l’edizione è per palati forti

di Cinemaniaco Commenta

Sarà un’edizione particolare quella che inizierà dopodomani al Lido. Se l’eros è l’ingrediente segreto di Venezia 70, non mancheranno film molto ‘forti’. Violenza, amputazioni, pedofilia, incesti, necrofilia e prostituzione. Ci sarà di tutto anche quest’anno alla Mostra del Cinema lagunare. In cartellone , nelle diverse sezioni, sono moltissimi i film che affrontano tematiche estreme con un linguaggio decisamente forte.

In cima alla lista dei ‘dannati’ c’e’ ancora una volta il regista sudcoreano Kim Ki-duk, che ha già shockato il Lido tredici anni fa con il suo ‘L’isola’ e l’ormai famosa scena della protagonista che si inserisce degli ami da pesca nella vagina.

Questa volta il regista è fuori concorso con “Moebius“, censurato ripetutamente in Corea del Sud e in prima mondiale a Venezia, che narra la profonda crisi autodistruttiva di una famiglia, passando per episodi incestuosi ed arrivando a mostrare un’evirazione, in un vortice di violenza decisamente respingente.

Come detto più volte dal direttore della Mostra, Alberto Barbera, quello di Kim Ki-duk e’ il film più crudele del cartellone, che assume la provocazione come elemento fondante. Barbera ha aggiunto che

Anche per noi selezionatori la prima reazione è stata un pò troppo!. Una reazione di totale rifiuto, poi, superando un facile disgusto abbiamo colto la dimensione importante, autorale dell’opera.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>