Box Office Italia 13-15 gennaio 2012: Immaturi il viaggio ancora primo

Immaturi il viaggio si conferma in testa al box office italiano per il secondo weekend consecutivo: il secondo e ultimo film della saga diretta da Paolo Genovese incassa altri 2,17 milioni di euro (arrivando a 9,3 milioni di euro in due settimane) e stacca nettamente, anche grazie al massiccio numero di copie, le altre pellicole. Sul podio salgono La talpa, secondo con 1,11 milioni di euro, e J. Edgar, terzo con 1,02 milioni di euro (4,79 milioni di euro totali).

Box Office Italia 6-8 gennaio 2012: Immaturi il viaggio trionfa

Immaturi il viaggio sbanca il box office italiano: la commedia di Paolo Genovese incassa ben 4,49 milioni di euro nel weekend (sei milioni da mercoledì e 887mila biglietti staccati) e batte gli americani J. Edgar, secondo con 2,29 milioni di euro (3,1 milioni in cinque giorni) e Alvin Superstar 3 – Si salvi chi può, terzo con 2,23 milioni di euro (3,69 milioni in cinque giorni). Da notare le medie, tutte molto alte, dei film che occupano il podio: la commedia italiana registra 7.533 € a copia, il film di Eastwood 5.513 € e il terzo capitolo della saga dei Chipmunks 5.695 €. Buon esordio anche per Finalmente maggiorenni, capace di portarsi a casa 517mila euro (743mila euro totali) nonostante la distribuzione ridotta (137 sale).

Box Office Italia 30 dicembre 2011 – 1 gennaio 2012: Il gatto con gli stivali supera Sherlock Holmes 2

Il weekend di capodanno viene vinto per qualche migliaia di euro da Il gatto con gli stivali: il film d’animazione incassa oltre 2,3 milioni di euro (11,76 milioni totali) e supera di un soffio (grazie al numero di sale) Sherlock Holmes – Gioco di ombre, secondo con 2,26 milioni di euro (14,29 milioni totali). Scende in terza posizione Vacanze di Natale a Cortina con 1,6 milioni di euro: per il cinepanettone non c’è stata la ripresa che i produttori si auguravano, tanto che ad oggi il totale è di soli 9,7 milioni di euro. Al quarto posto rimane stabile Finalmente la felicità con 1,54 milioni di euro (8,31 milioni totali).

Box Office Italia 23-25 dicembre 2011: Sherlock Holmes batte Vacanze di Natale a Cortina

Vacanze di Natale a Cortina recupera terreno nel weekend di Natale, ma vincere il 25 dicembre non basta al cinepanettone per battere Sherlock Holmes: Gioco di ombre: il primo incassa 2,1 milioni di euro (1,65 milioni solo ieri), il secondo 2,4 milioni di euro (1,5 milioni ieri). I totali sono negativi per entrambi: il film con Christian De Sica e Sabrina Ferilli sfiora i 4,5 milioni di euro, vedendo dimezzato l’incasso rispetto lo scorso anno, mentre quello con Robert Downey Jr. e Jude Law arriva a 7,5 milioni totali e difficilmente raggiungerà i 20 milioni totali di due anni fa.

Box Office Italia 16-18 dicembre 2011: Sherlock Holmes 2 primo, Vacanze di Natale a Cortina floppa

Il cinepanettone è ufficialmente morto. A Vacanze di Natale a Cortina non bastano le 750 copie per riuscire a vincere la gara degli incassi e nemmeno per salire sul podio: la commedia di Natale si deve accontentare di 1,623 milioni di euro (2.904 € di media a copia) che gli valgono la quarta posizione (peggior risultato del decennio e incasso esattamente pari alla metà del precedente film Natale in Sudafrica). In testa questa settimana troviamo Sherlock Holmes: Gioco di ombre con 3,4 milioni di euro (6.298 € di media a sala), seguito da Il gatto con gli stivali, secondo con 2,26 milioni di euro, e Finalmente la felicità, terzo con 1,653 milioni di euro (in linea con gli incassi del precedente film di Pieraccioni, Io & Mariyn). Al quinto posto troviamo un’altra novità, Le idi di marzo, con 663mila euro.

Al cinema dal 16 dicembre 2011: Finalmente la felicità, Vacanze di Natale a Cortina, Il gatto con gli stivali, Le Idi di Marzo, Sherlock Holmes – Gioco di ombre, Penultimo passaggio

Il weekend prenatalizio in Italia è quello che dovrebbe regalare le maggiori soddisfazioni agli esercenti, pronti a riempire le sale con titoli di primo piano. Quest’anno i film ci sono e la sfida sarà serratissima: c’è l’immancabile cinepanettone con Christian De Sica, Vacanze di Natale a Cortina, e la classica alternativa tutta italiana, Finalmente la Felicità di e con Leonardo Pieraccioni, c’è il film d’animazione (uno dei più attesi dell’anno), Il gatto con gli stivali, e il blockbuster americano d’azione, Sherlock Holmes: Gioco di ombre, c’è il film acclamato dalla critica Le Idi di Marzo di e con George Clooney, e quello profondo italiano, Penultimo Passaggio. Scegliete bene e andate al cinema prima che sia troppo tardi!

Annie Awards 2012, nomination: Kung Fu Panda 2 fa il pieno di candidature

Comunicate le nomination ai prossimi Annie Awards 2012, premi riservati al mondo dell’animazione su grande e piccolo schermo con una puntatina anche nel mondo dei videogames con un’apposita categoria. Guida la classifica delle candidature la Dreamworks con il campione d’incassi Kung Fu Panda 2 che fa il pieno con 12 nomination, seguito a ruota dall’avventurosa fiaba Il gatto con gli stivali e il western Rango con 9, Rio con 9, il sottovalutato sequel Cars 2 regala alla Pixar 7 candidature, mentre l’ibrido Le avventure di Tintin: il segreto dell’unicorno con il suo motion capture porta a casa 5 nomination. Dopo il salto trovate la lista completa dei nominati.

Il gatto con gli stivali, colonna sonora: anteprima

Il prossimo 16 dicembre approderà nelle sale italiane Il gatto con gli stivali (qui trovate la nostra recensione in anteprima), spin-off d’animazione nato dalla saga dell’orco Shrek targata Dreamworks. Oggi vi vogliamo poporre la colonna sonora del film che il compositore Henry Jackman ha realizzato utilizzando strumenti popolari della tradizione musicale latina, chitarre e percussioni, ispirandosi in parte al compositore spagnolo Manuel de Falla e mescolandovi influenze orchestrali da Debussy e Ravel. Dopo il salto trovate track-list completa di link per l’ascolto, compresi i brani del duo messicano Rodrigo Y Gabriela. Buon ascolto.

Box Office USA 2-4 dicembre 2011: Breaking Dawn Parte 1 ancora in testa

16,9 milioni di dollari: tanto basta a Breaking Dawn Parte 1 per rimanere saldamente al comando degli incassi al Box Office americano nel secondo weekend meno proficuo dell’anno (soltanto 82 milioni di dollari racimolati in totale). Il penultimo capitolo della Twlight Saga, che punta a sfondare 250 milioni di dollari (ne ha incassati in tre settimane 247, che diventano 588 in tutto il mondo), supera I Muppet, secondo con 11,2 milioni di dollari (56,1 milioni totali), Hugo, terzo con 7,6 milioni di dollaro (25,1 milioni totali) e Il figlio di Babbo Natale, quarto con 7,3 milioni di dollari (25,2 milioni totali).

Box Office USA 25-27 novembre 2011: Breaking Dawn Parte 1 batte I Muppet

Il weekend del Ringraziamento è stato vinto da Breaking Dawn Parte 1: il penultimo capitolo della Twilight saga, pur perdendo oltre il 69% degli incassi nel giro di sette giorni, ha racimolato ben 42 milioni di dollari facendo registrare la miglior media per sala della top ten (10.330$) e portando il totale in due settimane a 221,3 milioni di dollari (489 milioni di dollari in dodici giorni in tutto il mondo). Sul podio troviamo I Muppet, secondi con 29,5 milioni di dollari (con i 42 milioni di dollari in cinque giorni ha quasi coperto interamente i 45 milioni spesi per produrlo) e Happy Feet 2, terzo con 13,4 milioni di dollari (43,7 milioni in due settimane).

Box Office USA 18-20 novembre 2011: Breaking Dawn Parte 1 sbanca in America incassando 139,5 milioni di dollari!

I vampire della Twilight Saga conquistano per l’ennesima volta l’America: il penultimo capitolo della storia di Edward e Bella, Breaking Dawn – Parte 1, sbanca al botteghino portandosi a casa 139,5 milioni di dollari e facendo segnare la seconda miglior apertura della sega dopo New Moon (quinta miglior apertura della storia dietro Harry Potter e i doni della Morte Parte 2, Il cavaliere oscuro, Spider-Man 3 e, appunto, New Moon; 34.351 € di media a sala). Sul podio salgono Happy Feet 2, che racimola 22 milioni, poco più della metà del primo film (nonostante il 3D), e Immortals che incassa 12,3 milioni di dollari (53 milioni totali).