Woman in Gold: Ryan Reynolds, Helen Mirren e forse Daniel Bruhl

La Weinstein Company ha messo su un cast stellare per il nuovo film dal titolo “Woman in Gold”, che sarà diretto da Simon Curtis a maggio. Accanto a Ryan Reynolds ci sarà Helen Mirren e molto probabilmente Daniel Bruhl.

Reese Witherspoon e Ryan Reynolds nel biopic Big Eyes

La Mirren vestirà i panni di una reale eroina, Maria Altmann, una sopravvissuta ebrea che si batté durante la Seconda Guerra Mondiale

Hitchcock, trailer italiano con Anthony Hopkins

Il 21 febbraio 2013 uscirà nei cinema italiani Hitchcock, film di Sacha Gervasi che racconta la nascita del cult Psycho vista attraverso gli occhi del celebre regista interpretato da Anthony Hopkins e della moglie Alma (Helen Mirren). Dopo il salto trovate il trailer italiano del film.

Scarlett Johansson e James D’Arcy in Alfred Hitchcock and the Making of Psycho

Proseguono i casting per l’adattamento del libro Alfred Hitchcock and the Making of Psycho di Stephen Rebello. Collider via Variety riporta che ai veterani Anthony Hopkins, che ha firmato per interpretare il famoso regista ed Helen Mirren che vestirà i panni di Alma Reville, la moglie di Hitchcock si sono aggiunti Scarlett Johansson, che sarà Janet Leigh la protagonista di Psycho e James D’Arcy (Master and Commander: Sfida ai confini del mare) che interpreterà Anthony Perkins/Norman Bates.

Il debito, recensione in anteprima

Berlino Est 1966, l’agente del Mossad Rachel Singer (Jessica Chastain) è in città per incontrare gli agenti David Peretz (Sam Worthington) e Stefan Gold (Marton Csokas). La loro missione è catturare il criminale di guerra nazista Dieter Vogel (Jesper Christensen), tristemente noto come Il chirurgo di Birkenau per i suoi atroci e folli esperimenti medici condotti sugli ebrei durante la seconda guerra mondiale e portarlo in Israele affinchè venga giudicato e condannato per i suoi crimini. Come copertura onde contattare Vogel, Rachel e David si presenteranno come una coppia di coniugi provenienti dall’Argentina. Rachel diventerà un paziente della clinica di Vogel specializzata in ginecologia. La missione farà il suo corso e mentre sia Stefan che David cominceranno a mostrare un’attrazione per Rachel, quest’ultima scoprirà che David ha perso tutta la sua famiglia durante l’Olocausto.

The Queen-La regina, recensione

Inghilterra 1997, il governo inglese subisce un repentino cambio di fronte ai vertici, dopo diciotto anni di governo conservatore un laburista conquista il titolo di premier britannico, si tratta di Tony Blair (Michael Sheen) che annuncia una modernizzazione del paese, termine che crea diffidenza in sua maesta Elisabetta II (Helen Mirren), ma il premier al suo primo colloquio con la sovrana d’Inghilterra promette di rispettare la famiglia reale e l’istituzione monarchica.

Solamente tre mesi dopo a Parigi la tragedia che stroncherà la vita dell’amatissima Lady Diana Spencer che perde la vita in un incidente automobilistico insieme al suo compagno Dodi Fayed, così mentre il premiere inglese prepara un discorso che defineirà Lady diana la principessa del popolo e milioni di persone sono in procinto di partecipare al funerale dell’ex-moglie del principe Carlo d’Inghilterra, nella residenza estiva scozzese in quelle ore la famiglia reale è divisa sull’approccio da tenere nei confronti della morte di Lady D., la regina madre dopo la separazione del figlio non pensa sia il caso di trattare l’ex-nuora come un membro della famiglia reale, ma Carlo non è d’accordo e nel frattempo trascorre una settimana prima che regina e figlio tornino a Buckingham Palace e mostrino il proprio cordoglio per l’accaduto, un silenzio troppo lungo che i sudditi inglesi non gradiranno e solo la presenza della famiglia reale ai funerali dell’ex-principessa riporterà un pò di serenità tra sudditi e sovrana.

Arthur, poster e nuove immagini

Il 2011 sarà senza dubbio l’anno dei remake e tra i titoli spunta anche qualche comedy come Arthur, remake dell’Arturo anni ’80 di Steve Gordon, commedia con protagonisti all’epoca Dudley Moore e Liza Minnelli che oltre a fruire di un sequel vinse due Oscar per il miglior attore non protagonista (John Gielgud) e per la miglior canzone con il classico Arthur’s Theme (Best That You Can Do), hit interpretata da Christopher Cross.

Il nuovo Arthur diretto dal regista televisivo Jason Winner avrà come protagonista il comico inglese Russell brand (In viaggio con una rockstar) supportato da Jennifer Garner, Helen Mirren e Nick Nolte.

dopo il salto poster e un set di nuove immagini tratte dalla pellicola nelle nostre sale a  partire da luglio 2011.

La promessa, recensione

Il poliziotto alla soglia della pensione Jerry Black (Jack Nicholson) si sta occupando del brutale omicidio di una bambina, l’istinto lo porta a pensare ad un serial killer in evoluzione, mentre i fatti porteranno invece un presunto colpevole a firmare una confessione impossibile da confutare visto che quest’ultimo in seguito si suiciderà.

Black che ha promesso alla madre della piccola vittima di scovare il vero colpevole decide, nonostante il caso sia stato ufficialmente chiuso, di proseguire comunque le indagini in solitaria, convinto in cuor suo che l’omicida spinto dal desiderio compulsivo di reiterare il gesto tornerà presto a colpire.

Individuata la zona dove presumibilmente il maniaco colpirà di nuovo, Black acquista un’attività nelle vicinanze e comincia a cercare una probabile vittima che potrebbe essere la figlia di una barista che l’ex-poliziotto comincerà a frequentare, decidendo così di utilizzare la ragazzina come un’esca allo scopo di far uscire allo scoperto l’assassino.

Red, recensione in anteprima

Frank Moses (Bruce Willis) è un-ex agente CIA che ha svolto lavori sporchi per l’Agenzia sino a che quest’ultima non lo ha considerato troppo vecchio congedandolo  con tanto di pensionamento, una situazione che a Moses abituato ad adrenalina ed azione proprio non va giù, tanto che distrugge sistematicamente gli assegni d’indennità che gli arrivano mensilmente solo per avere una scusa per scambiare quattro chiacchiere con Sarah Ross (Mary-Louise Parker), bella telefonista del servizio clienti con la quale Moses stabilisce un bel feeling.

Moses scoprirà ben presto di essere finito su una lista nera redatta dall’Agenzia che vede la maggioranza dei nomi elencati vittime di strani e repentini decessi, dopo essere scampato ad una squadra di pulizia Moses prende con se Sarah e cerca alcuni ex-colleghi per far chiarezza sui motivi per cui la CIA e l’agente speciale William Cooper (Karl Urban) assegnato all’operazione stanno eliminando tutti i nomi della lista.

La soluzione dell’enigma sembra essere legata ad una giornalista del New York Times prima vittima dell’operazione insabbiamento e ad una missione svolta in Guatemala negli anni ’80, missione che ha visto all’epoca Moses ed altri agenti ripulire le conseguenze di una missione finita fuori controllo.

Arthur, foto dai set di New York

Oggi vi proponiamo una galleria di foto scattate sui set newyorchesi del remake Arthur, il regista Jason Winer all’attivo molta tv tra cui il pilot dell’acclamato serial comedy Modern Family ci ripropone un versione riveduta, corretta ed aggiornata della comedy campione d’incasso del 1981 con Dudley Moore e Liza Minnelli.

Nel cast di questo remake che ricordiamo racconta le gesta di un immaturo e viziato riccastro dedito all’ozio e all’alcol, il comico Russell Brand che ritroveremo nella comedy di Jona Hill In viaggio con una rockstar affiancato da Helen Mirren, Jennifer Garner e Nick Nolte.

Dopo il salto tutte le immagini.

Venezia 2010 sabato 11: oggi premiazioni, ultime proiezioni e chiusura con The Tempest

Giornata di chiusura della sessantasettesima Mostra del Cinema di Venezia, assegnati ieri premi collaterali a La pecora nera di Celestini (Premio Fondazione Mimmo Rotella) e Venus Noire di Kechiche (Premio Pari Opportunità), mentre Avatar e il cartoon Dragon Trainer si aggiudicano il premio speciale Persol dedicato al cinema 3D.

Si tirano le somme e il festival esce con una serie di risultati positivi da questa edizione, vedi l’incremento di biglietti (+17%), abbonamenti (+16%) e giornalisti accreditati (+4%).

Red, character poster di Bruce Willis, Helen Mirren e John Malkovich

Red 3 locandine

Sono stati rilasciati in questi giorni i primi tre character poster di Red, l’adattamento cinematografico della graphic novel di Warren Ellis pubblicata dalla DC Comics, diretto da Robert Schwentke, con Bruce Willis, Morgan Freeman, Helen Mirren, John Malkovich, Mary Louise Parker, Karl Urban, Brian Cox, Richard Dreyfuss, Ernest Borgnine, Julian McMahon, James Remar e Rebecca Pidgeon.

Dopo il salto potete vedere i poster che immortalano il protagonista Bruce Willis / Frank Moses (He’s got time to kill), ex agente speciale della CIA in pensione che deve riunire la propria squadra per trovare colui che lo minaccia di morte, Helen Mirren / Victoria (A High Caliber Woman) e John Malkovich / Marvin Boggs (Doesn’t get out much).

Il mistero delle pagine perdute, recensione

national_treasure_book_of_secrets

Stati Uniti  1865  a poche ore dall’assassinio di Abraham Lincoln scopriremo l’esistenza di una misteriosa setta cospiratrice che sembra aver ordito l’omicidio del presidente americano, e celato in una mappa occulta gli indizi che portano a alla leggendaria città d’oro di Cibola, una sorta di Eldorado perduta, la soluzione del  mistero è celata nelle pagine perdute del diario di John Wilkes Booth, la mano che ha messo in atto l’attentato presidenziale.

140 anni dopo, ai giorni nostri le pagine di quel diario sembrano irrimediabilmente andate perdute nella notte dei tempi, ma Ben Gates (Nicolas Cage) e suo padre Patrick (John Voight) ne rintracciano una che sembra celare l’insinuazione infamante che la famiglia Gates fosse all’epoca dei tragici fatti, parte nella cospirazione che portò all’assassinio di Lincoln.

Ben con la sua partner, l’esperta di storia americana Abigail Chase (Diane Kruger) e il supporto dell’esperto informatico e socio Riley Poole (Justin Bartha)  decide di scoprire la verità e riabilitare il nome del suo antenato iniziando una caccia al tesoro che lo porterà in Francia, in Inghilterra per poi tornare in patria onde lanciarsi nella folle impresa di violare il santuario della sicurezza nazionale, la Casa Bianca location dell’ultimo decisivo indizio.