Snowpiercer, recensione in anteprima

di Serena Guidoni Commenta

Prima giornata del Festival Internazionale del film di Roma. Questa mattina è stato presentato alla stampa Snowpiercer film Fuori Concorso del regista coreano Joon-ho Bong, nel 2011 presidente di giuria al Festival di Cannes per la Caméra d’or. In un futuro post apocalittico, il 2031, dominato da un’era glaciale che ha sterminato la popolazione dell’intero pianeta a causa del fallimento di un esperimento che doveva porre fine al riscaldamento globale, l’unica fonte e possibilità di salvezza è riposta in un treno ad alta velocità che fa un giro del mondo perpetuo.

snowpiercer

Microcosmo della società contemporanea, il treno è ovviamente diviso per classi: dalla coda dove sono confinati i reietti, si sale verso la sala macchine della locomotiva dove alberga un “deus ex machina” misterioso e potente. Ma quando dalle retrovie sfocia l’ennesima rivola, gli equilibri fra le classe cominceranno a degenerare. Joon-ho Bong conosciuto per aver diretto il monster movie campione di incassi Gwoemul (The Host), presentato al Festival di Cannes 2006, chiama a se una delle star in ascesa del cinema americano, il Captain America Chris Evans, affiancato da una eccezionale Tilda Swinton ed un impagabile John Hurt, nonché da attori del calibro di Ed Harris, Alison Pill, Jamie Bell, e Octavia Spencer.

Il mondo raccontato da Bong è terrificante e insieme spaventosamente realistico, e i vari scompartimenti del treno sono specchio di una società, la nostra, degenerata e malata, dove a governare sono i poteri forti e la naturale selezione naturale è riposta nella facilitazione a porre l’umanità nella condizione di sterminarsi con le proprie mani, ma con l’auto proprio di chi la governa. La speranza è un vago ricordo, e valori morali sono messi da parte per far posto alla propria sopravvivenza. Stilisticamente perfetto nell’alternare la sporcizia della coda, al lusso e l’agiatezza della testa del treno, il film coglie nel segno il decadimento del mondo e lo fa senza mentire.

Scheda

Regia: Joon-ho Bong

Sceneggiatura: Joon-ho Bong, Kelly Masterson

Fotografia: Kyung-Pyo Hong

Montaggio: Steve M. Choe

Scenografia: Ondrej Nekvasil

Costumi: Catherine George

Musica: Marco Beltrami

Cast: Chris Evans, Tilda Swinton, Ed Harris, Alison Pill, Jamie Bell, John Hurt, Octavia Spencer

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>