Se ne va Mariangela Melato: i suoi film d’oro e d’argento per ricordarla

di Cinemaniaco Commenta

Non basta dire “Addio” a Mariangela Melato. L’attrice che ci ha lasciato questa mattina, all’età di 71 anni, era molto più che un’icona. Molto più che una comparsa nell’infinito mondo del cinema. Nata il 19 settembre 1941 a Milano, sotto il segno della Vergine, Mariangela Melato si è spenta questa mattina in una clinica romana, stroncata da un tumore contro il quale ha lottato per anni.

Cinema e teatro sono in lutto, ma il dolore non è nulla senza un adeguato ricordo che resti nel tempo. Quale miglior modo per salutarla, se non ripercorrere alcune delle tappe più importanti della sua carriera? Abbiamo scelto i film per i quali è stata premiata con il Nastro D’Argento e (o) con il David di Donatello.

Ci piace ricordarla così, come una persona straordinaria che ha lasciato un segno indelebile nella storia della settima arte.

La classe operaia va in paradiso (1972 – Nastro D’Argento come Miglior Attrice)

Regia:  Elio Petri

Mimì metallurgico ferito nell’onore (1973 – Nastro D’Argento come Miglior Attrice)

Regia: Lina Wertmüller

Il gatto (1978 – David di Donatello come Miglior Attrice)

Regia: Luigi Comencini

Caro Michele (1976 – David di Donatello e Nastro D’Argento come Miglior Attrice)

Regia: Mario Monicelli

La poliziotta (1975 – Nastro D’Argento come Miglior Attrice)

Regia: Steno

Dimenticare Venezia (1978 – Nastro D’Argento come Miglior Attrice)

Regia: Franco Brusati

Aiutami a sognare (1981 – David di Donatello e Nastro D’Argento come Miglior Attrice)

Regia: Pupi Avati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>