Recensione: Il primo giorno d’inverno

di Massimiliano Miano 1

Pochi applausi, qualche fischio ed una freddissima reazione degli accreditati per l’opera prima di Mirko Locatelli, Il primo giorno d’inverno, presentato in anteprima nazionale a Venezia nella sessione “orizzonti”.

Il film racconta la storia di Valerio, un adolescente solitario che osserva il mondo dei suoi coetanei stando in disparte. Ha una sorella di dieci anni, un vecchio motorino e due nemici che lo tormentano. Un giorno però gli si presenta una possibilità, finalmente può vendicarsi provando a combattere con le stesse armi del nemico. Ma ad attenderlo troverà solo il dolore e la disperazione.

Una storia che affronta temi presenti, talvolta anche in modo drammatico, nel mondo degli adolescenti, fatta di bullismo e identità sessuale. Parla di ragazzi vicini fisicamente ma personalmente soli e abbandonati, che spesso faticano a trovare unità in un progetto comune e che, spinti dal disprezzo per le diversità, non possono che generare dolore ed emarginazione, rischiando di esserne a loro volta vittime.

Il primo giorno d’inverno apre sicuramente molti interrogativi sulle relazioni e sui comportamenti degli adolescenti, anche se il film non è riuscito a sviscerare totalmente le questioni nella loro complessità. Un lungometraggio monotono che tenta di essere un tragico teorema di colpa e responsabilità, tentando di coniugare causalità e casualità, destino e provvidenza.

Il film è a tratti imbarazzante, soprattutto a livello tecnico, con problemi vistosissimi di montaggio, per non parlare della cupa fotografia e della totale pochezza della pellicola in generale che per più di metà della durata è un inutile ripetersi di situazioni ormai inquadrate da qualsiasi punto di vista.

Commenti (1)

  1. Caro Massimiliano, prima di scrivere interventi di questo genere ti converrebbe informarti e informare gli utenti del blog che la critica vera, quella dei più grandi giornalisti e critici italiani come Maurizio Porro, Francesco Alò, Paolo D’Agostini, Dario Zonta, Boris Sollazzo, hanno parlato di capolavoro, altro che “inesperienza”.
    E questo film per me è proprio un capolavoro, sembra di vedere un film di Robert Bresson o Claude Miller, e poi come fai a parlarne così? non rispetti la libertà espressiva dell’autore.
    Per esempio quando dici “gravi problemi di montaggio” e “cupa fotografia tutta monocromatica” dovresti dirci cosa intendi per problemi di montaggio, io non credo esista una regola da seguire per montare un film: guarda David Lynch, Lars Von Trier o Jean-Luc Godard, tutti diversi e trasgressori delle regole e dei canoni.
    Poi se dici “totale pochezza della pellicola in generale che per più di metà della durata è un inutile ripetersi di situazioni ormai inquadrate da qualsiasi punto di vista” ecco che dimostri di aver avuto una visione superficiale.
    Pensa a autori come Mikhalkov, Zvyagintsev e Sokurov, e capirai di aver scritto una cosa insensata.

    Io questo film lo amo molto e attendo la prossima opera di Locatelli che di certo farà strada: lo dimostrano le selezioni a tanti festival internazionali e l’ampia rassegna stampa pubblicata sul sito ufficiale.

    Per completezza d’informazione consiglio a tutti di leggerla (sempre che questo mio messaggio non venga censurato).

    http://www.ilprimogiornodinverno.it/rassegnastampa.asp

    Con onestà.
    Selina

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>