Mary Poppins compie cinquant’anni

di Redazione Commenta

Senza ombra di dubbio è stato un film culto per generazioni. Mary Poppins, colei che sapeva come addolcire la pillola, è la testimonial di un’epoca perfetta. Iniziata, con l’exploit di questa incorruttibile governante inglese, nel 1964 e ancora oggi in auge grazie al ritorno sul grande schermo con “Saving Mr. Banks”.

Quest’ultimo, in verità, è un prezioso ‘amarcord’ che ripercorre le tappe della contrattazione tra l’autrice della serie di libri su Mary Poppins e Walt Disney, interpretato da Tom Hanks e Emma Tomphson.

Quello che vale la pena sapere è che Mary Poppins compie cinquant’anni in questo 2014. Cinquant’anni dal suo successo cinematografico.

Sono tantissimi i bambini, famosi e non, innamorati della ‘tata’ creata da Pamela L. Travers. Tra questi spicca Rupert Everett, che una volta si mise addirittura nei panni della governante. Tanti, anzi tutti, conoscono le canzoni di Richard M. Sherman, Robert B. Sherman e Irwin Kostal, che fecero da colonna sonora al celebre film. Tutti le impararono all’istante.

Tutti hanno imparato qualcosa da Mary Poppins. Cosa? Che ad esempio un personaggio simpatico come questa tata può trasformare in qualcosa di magico le faccende domestiche. Oppure ballare il tip tap con i pinguini animati, arrivare in quarta dimensione, verso l’infinito della fantasia.

Non è un caso se Mary Poppins abbia vinto cinque premi Oscar e sia un culto. Un classico. Un mito. Il film dai toni fiabeschi ha incarnato la rivolta contro i padri autoritari ed espresso la glorificazione di mamme diverse dalle casalinghe perfettine.

Correvano gli anni sessanta, e Walt Disney dopo una lunghissima trattativa con l’autrice Pamela L. Travers, portò sul grande schermo un capolavoro.

Altri cento di questi anni, Miss Mary Poppins!

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>