Magna Graecia Film Festival

di Enrico.Nanni 1

Votare, votare, votare. Per il Magna Graecia Film Festival si esprime la propria preferenza anche dal sito, e vi consiglio caldamente di farlo. Il motivo? Sentirsi partecipi.

Sentirsi partecipi è il modo per essere laddove fisicamente non si può essere. E siccome non si può essere ubiqui, l’unica è cercare di leggerci per tenersi informati su ciò che ci offre il panorama dei festival di quest’estate.

Giunti ormai al 20 Luglio, le città cominciano seriamente ad essere sgombre, per questo ci si può concentrare sulle cose realmente importanti: festival e rassegne. Il Magna Graecia Film Festival si svolge a Soverato.


Soverato è un posto di mare bellissimo, in provincia di Catanzaro, in Calabria. Ci sono stato tante volte, sempre all’oscuro della presenza del festival. Se chiudo gli occhi cerco di ricongiungere con l’immaginazione l’atmosfera festarola ed estiva della “Rimini del Sud” con le proiezioni in programma.

Il clima è disteso, marittimo, suggestivo quanto basta, per sedersi con comodità a vedere le proiezioni che vengono proposte dall’organizzazione del festival.

I giochi si aprono con Il Sorpasso un vero e proprio “evento speciale”. Segue la proiezione di Come Tu Mi Vuoi, Una Notte e Non c’è più niente da fare. Insomma, non proprio roba sconosciuta.

Le opere in concorso sono molte e sono tutte da vedere, e sbirciando i link relativi alle premiazioni delle passate edizioni e approfondendo un pò in qua e in là si scopre effettivamente qualche sorpresa.

Il Magna Graecia Film Festival è giunto finalmente alla 5 edizione, è ancora giovane, quindi, come giovani sono gli autori a cui è dedicato. La prsente edizione si apre con un omaggio a Dino Risi.

La città è in festa per quest’evento, da vivere a 360 gradi. L’aria di mare, e soprattutto la presenza di quest’ultimo nelle vicinanze immediate contribuirà a rendere il clima più gradevole mentre assistiamo alle proiezioni, favorendo forse la nostra lucidità nelle valutazioni./div>

Continua il gemellaggio del festival con il Festival Annecy Cinema Italien e sarà assegnato il premio Pier Todeschini, fondatore del Festival di Annecy.

Se la vostra meta è il sud, dunque, perchè non fermarsi qualche giorno in quel di Soverato? Almeno fino alla chiusura dele danze, il 27 Luglio.

Commenti (1)

  1. bellissima esperienza vissuta a soverato per 7 sere grande Casadonte che sa porre il suo talento calabro con discrezione orgoglisa di essere rappres da un calabr come lui nel mondo, bravissimo e merita anche lui la colonna d’oro Papaleo per il sud pulito che ha portato,grandi gli attori e registi con i bimbi tra cui mia figlia miriam che chiedevano gli autografi.bravi tutti i maestri musicisti che si sono esibiti.il progetto di paparazzo mi interesserebbe se esaltasse le qualità della mia calabria che accoglie e ospita immigrati che fuggono dalle guerre vivili e dalla fame dell’africa per salvalsi la vita nella nostra terra perchè vengono in ogni caso accettati e accolti. bravo Ravello che ha come regista esaltato la realtà scomoda che a molti non fa piacere ma che al popolo si, da sollievo sapere che in questo mondo c’e ancora qualcuno che usa il suo sapere al servizio di chi non ha voce bravi a tutti alla prossima, non mollare gianvito noi siamo con te.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>