L’uomo che fissa le capre, recensione

di Pietro Ferraro 28

Bob Winston (Ewan McGregor) è un giornalista da quattro soldi che lasciato dalla moglie cerca un pò di rivalsa verso la consorte e anche uno scoop che ne possa risollevare le magre sorti professionali.

Così seguendo un pista alquanto bizzarra si reca in Iraq dove in incontra lo strambo soldato Lynn Cassady (George Clooney) che afferma di far parte da oltre vent’anni di una squadra/esperimento speciale dell’esercito americano addestrata ad utilizzare contro il nemico poteri psichici, come leggere il pensiero, attraversare i muri e uccidere con lo sguardo.

Cassidy è alla ricerca del fondatore di quella sezione speciale, Billy Django (Jeff Bridges) , un hippy un pò santone e un pò Jedy, che è sparito senza lasciare alcuna traccia, così Winston per dimostrare all’ex- moglie e a stesso di avere del talento e di non essere un perdente a tutto tondo, si lancia in un’avventura mistico/giornalistica attraverso l’Iraq, affrontando un viaggio allucinante e allucinogeno e scoprendo che non solo il sedicente guru di Cassidy esiste, ma vive in un campo di addestramento clandestino supervisionato da un ex-membro della squadra di supersoldati, il ribelle Larry Hooper (Kevin Spacey).

Lo sceneggiatore Grant Heslov autore dell’intenso Good night and Good luck diretto dall’amico Clooney, sceglie proprio quest’ultimo ed un terzetto di gran classe, per esordire dietro la macchina da presa all’insegna del surreal-demenziale, e cosa piu bizzarra basandosi su un libro-inchiesta di stampo giornalistico e miscelando le due opposte visioni in modo sorprendentemente brillante ed efficace.

Preparatevi ad un viaggio nella follia pura, tutto il cast, Clooney in testa, recita al limite della macchietta, ma il regista con una certa arguzia ha scelto due veterani come Clooney e Jeff Bridges che hanno una lunga militanza nella comedy di stampo surreale ed una vis comica innata, tale da rendere gli eccessi delle loro interpretazioni e di riflesso quelle dell’intero cast non solo credibili, ma oltremodo digeribili anche dallo spettatore meno avvezzo al genere.

L’uomo che fissa le capre miscela sapientemente e con sorprendente intelligenza, teorie complottiste, demenzialità e omaggi cinefili ad una location che dovrebbe ispirare tutto, fuorchè grasse risate, invece ironia e riflessione ben si sposano nel film di Hestov, aggiungiamo a questo dei dialoghi che pasticciano elegantemente con cavalieri Jedy, filosofia Hippy, poteri psichici e capre, e ci rendiamo conto di trovarci di fronte ad una soprendente comedy da non sottovalutare.

Commenti (28)

  1. Questo film fa veramente schifo…

  2. @ Starni:

    Concordo fa veramente pena

  3. C…o 7 euri rubati!!!!!

  4. assolutamente inguardabile

  5. Esatto è inguardabile !!

  6. ci vorrebbe il rimborso dopo un film del genere

  7. Fa veramente pena!
    non andatelo a vedere!

  8. questa serà andrò a vederlo!

  9. che vergogna! peggio del peggio roba da film amatoriali!

  10. A me è piaciuto molto..
    Comicità sottile, avventura demenziale.

    Certo non è un film ordinario.
    Capisco che non possa piacere a molti.

    Ma io ve lo consiglio
    (Solo per menti Aperte)

  11. è un film fatto bene, interessante e squisitamente divertente. da vedere!!..e da svegli…

  12. Il film mi è piaciuto, i guerrafondai inventano sempre nuove armi perchè non dovrebbero sperimentare l’arma più pericolosa: la mente dell’uomo.
    Questo film parla semplicemente di questo.

  13. Era da tantissimo tempo che non vedevo una porcata immonda come questo film….Chi dice che gli é piaciuto secondo me fa solo finta per non farsi prendere in giro.
    Ne ho comprato il Blu-ray, l’ho visto con mia moglie e il giorno dopo siamo andati a portarlo a Blockbuster facendolo valutare sull’acquisto di un altro film.
    Sono ancora angosciato dalla visione!

  14. Addirittura immonda, magari guardi il GF o isola dei famosi.

  15. E sei pure angosciato.

  16. E’ veramente un bel film!!!!!!!!!!!!!!!! Ero abbastanza prevenuto ma la sua originalita’ e il suo humor sottile lo rendono una chicca………….

  17. Una porcata demenziale. Non ha nulla per potersi fregiare del titolo di film. Di vero solo la parola capra, la vera protagonista.

  18. Non capisco come c….o fate a dire che fa schifo, ma che c….o di film guardate ? Comunque uno dei miei film migliori che ho visto negli ultimi anni, un capolavoro, è demenziale ma c’è anche un’importante messaggio di fondo

  19. Un bel film, simpatico, arguto ed estremamente originale. Qualche risata di vero gusto. Per fare un film gradevole ci vogliono una buona idea e buoni attori. Questo film ha entrambi.

  20. @ Marko: Marko: se non ti è piaciuto OK. Cosa dicono gli altri sono fatti loro. Regolati.

  21. Marko, le ragioni per le quali non ti è piaciuto questo film si capiscono dallo stile del tuo commento.

  22. Ritenevo fosse un film contro le guerre, ed effettivamente lo è, ma non lascia assolutamente nulla, non vi è profondità di ragionamento e il messaggio di fondo, pur essendoci, è così scontato che non riesce a produrre una riflessione profonda.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>