Jon Turteltaub girerà Beached, George Nolfi dirigerà il thriller XOXO

di Redazione Commenta

Jon Turteltaub (Il mistero dei templari) svilupperà e dirigerà Beached, la storia di un campione olimpico di nuoto che quando aveva quattro anni cadde in mare durante un viaggio con la famiglia e fu salvato da alcune balene. Il progetto è in sviluppo dal 1997.

Lo script originale è di Ted Griffin (Ocean ‘s Eleven, Tower Heist), mentre Betty Thomas (Alvin Superstar 3 – Si salvi chi può!) è stata l’ultima regista candidata prima di Turteltaub che a quanto pare svilupperà Beached ripartendo da zero, l’ultima bozza della sceneggiatura è di Jordan Roberts (La marcia dei pinguini).

Lionsgate dopo aver acquisito il progetto XOXO un anno fa ha ora designato alla regia George Nolfi (I guardiani del destino) che procederà anche ad una riscrittura di questo thriller ambientato nel mondo virtuale dei social -media.

Il progetto è stato inizialmente scritto da Mark Heyman (Il cigno nero) ed è stato lanciato come una moderna versione di Attrazione fatale che esplora il lato oscuro delle relazioni virtuali, con un dirigente che non riesce più a separare la sua vita reale in cui è fidanzato dalla sua relazione online. Il film utilizzerà “sequenze con effetti visivi stilizzati” per ritrarre le interazioni online. Il progetto è prodotto da Darren Aronofsky e Michael London (Sideways).

Approfondiamo la sinossi:

La storia è incentrata su XOXO un executive in carriera che si concede una serie di flirt online, nonostante il fatto che sia fidanzato. Poi incontra una donna affascinante su Facebook e i due iniziano una relazione virtuale, ma il protagonista scopre ben presto che la sua storia d’amore via internet si sta infiltrando nella sua vita reale con risvolti mortali.

(Fonte Collider – Photo Credits | Getty Images)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>