I bruttissimi, Caccia mortale

di Pietro Ferraro 11

Oggi vi segnaliamo per la rubrica I bruttissimi, l’action del 1993 Caccia mortale con il roccioso Dolph Lundgren che dopo l’Ivan Drago di Rocky 4, tenta invano di intraprendere una carriera da eroe action, ma finisce solo nel limbo dei vorrei ma non posso, sfornando qualche simpatica pellicola come Resa dei conti a Little Tokio, mediocri trasposizioni come Il Vendicatore e I dominatori dell’universo, e tutta una serie di filmetti direct-to-video non proprio memorabili.

In questo caso parliamo di un action che è transitato nelle sale americane con scarso successo, Lundgren veste i panni di una abile e prezzolato ladro di vetture di lusso che imbrocca il lavoro sbagliato e finisce in carcere. Tutto qui? certo che no, Ludgren evade prende in ostaggio una bella poliziotta, la seduce e la trasforma in una preziosa alleata, il tutto tra inseguimenti nel deserto, sparatorie e scintillanti fuoriserie sportive.

Trame scialba, Lundgren se possibile è ancor meno espressivo del collega  Schwarzenegger con cui condivide volitivo mascellone e zero espressività, ma Schwarzy fa conto su un’imponenza scenica decisamente superiore al suo collega,, quindi Caccia mortale si rivela un action ben poco memorabile e con alcune ingenuità davvero imperdonabili.

Parliamo delle automobili presenti nella pellicola, che teoricamente andavano distrutte in pericolosi inseguimenti mozzafiato, e che fa la produzione? non potendo devastare macchine per milioni di dollari, utilizza delle finte fuoriserie che visivamente sfiorano il ridicolo e che si frantumano davanti alla macchina da presa senza un minimo di realismo.

Caccia mortale pecca proprio nell’unica parte che poteva avere un po d’appeal, quindi meglio evitare, e ripescare magari un Lundgren d’annata con titoli decisamente più interessanti, come ad esempio l’action/sci-fi Arma non convenzionale e il direct-to-video Blackjack diretto dal grande John Woo.

Commenti (11)

  1. A me personalmente è piaciuto, non capisco per quale motivo si sia sparato a zero su Dolph Lundgren e Arnold. Questo, a mio parere è uno dei film più belli di Dolph, mentre le altre pellicole le trovo un po’ povere di trama, ma in ogni caso non reputo Lundgren un pessimo attore come è stato dipinto in questo sito. E poi che cosa ci si può aspettare da una figura “rocciosa” come la sua, che nei film canti le canzoncine di Natale?? La sua espressività, come per Arnold, rientra a pieno nel suo personaggio, cioè un duro quasi impassibile ai sentimenti.

  2. @ Gledis:
    Ciao Gledis, nessuno a sparato a zero su Arnold Schwarzenegger che possiede una fisicità che va ben oltre il collega Dolph, infatti nei bruttissimi forse inserirei solo il suo esordio Ercole a New York, perchè un Commando o un Danko sono dei capolavori se confrontati all’intera filmografia di mr. Lundgren, io sono un appassionato di action, gli anni’80 sono stati una fucina di carismatici personaggi con un capacità attoriale limitata, ma dotati di innegabile carisma vedi Seagal, Norris, Stallone, Schwarzenegger, Van Damme e mi dispiace dirlo, ma Lundgren per quanto apprezzabile nella sua fisicità manca di carisma se confrontato con gli attori appena citati e principalmente di un altro ingrediente che avrebbe potuto forse compensarne gli evidenti limiti, l’auto-ironia, che Schwarzy invece possiede, e la sua carriera mai decollata ne è una prova inconfutabile…detto ciò ricorda che una rubrica come questa è chiaramente un mix tra la critica classica e gusto personale di chi scrive, quindi nessuno spara a zero, ma sono opinioni personali da prendere come tali. un saluto e grazie del commento. 🙂

    1. @Pietro Ferraro: Forse DIMENTICHI che l’autoironia di Swarzy & Co., non dipende dall’attore, MA DAL COPIONE DEL FILM!!!! Ti sei mai chiesto cosa fà IL REGISTA???? Inoltre ha sempre fatto bellissimi film, se uno cerca l’action….

  3. chi a scritto che fa film del cazzo è propio un figlio di puttana!!

  4. Mi dite il nome della canzone ad inizio film.. non riesco a trovarla?

  5. Per me nn è male come film.. e Dolph x me e un bravo attore..

  6. Titus shoppa manchester united online hos jd sports,
    storbritanniens ledande sportmodebutiksnabbköp adidas manchester united fc 19 hemmatröja Liverpool drakt 2019.
    Dorri

  7. Il film è effettivamente una boiata assurda. Lundgren è totalmente inespressivo, infatti va benissimo per il ruolo di drago. D’altronde, ha studiato chimica, non recitazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>