Gli Aristogatti

di Enrico.Nanni Commenta

Gli Aristogatti (The Aristocats) è un film ormai storico risalente al 1970. Guardarlo oggi lascia in bocca il sapore del gioiellino, vista l’estrema cura dei disegni e la suggestione dell’ambientazione in cui si svolge la storia dei nostri amici a quattro zampe.

Il canone ufficiale lo considera il ventesimo classico Disney, ed è il quattordicesimo lungometraggio della Walt Disney Productions prodotto successivamente la morte di Walt Disney. La storia è ambientata nel 1910 a Parigi.

In primo piano abbiamo la gatta Duchessa e i suoi cuccioli: Matisse, Bizet e Minou, l’unica femmina della cucciolata. Come si induce dal titolo, la piccola vive insieme ai suoi figli in una casa aristocratica, di proprietà di un ‘anziana signora.

Sono gatti abituati a uno stile di vita estremamente agiato e a un clima steretipicamente aristocartico; l’anziana Madame decide di fare testamento a causa dell’età, e sceglie di lasciare tutti i suoi averi ai suoi gatti. Al momento della dipartita dei gatti, i beni finiranno invece nelle mani del maggiordomo Edgar.

Potete immaginare lo sconforto di quest’ultimo, che prende una decisione abbastanza netta: fare fuori i gatti, e rimanere l’unico erede. I gatti vengono quindi narcotizzati assieme al loro piccolo amico, il topolino Groviera, e nella notte parte col sidecar per portarli lontano.

Napoleone e Lafayette, due cani specializzati in “imboscate”, assaltano però il sidecar, e la culla contenente Duchessa e i gattini viene sbalzata via e finisce sotto ad un ponte, in mezzo ai prati, ed il perfido Edgar se la dà a gambe.

Madame si accorge della sparizione dei mici
, li cerca invano e si rende conto che non ci sono più. Meno male che Duchessa incontra Romeo, un gatto affascinante ed intraprendente che viene attratto dalla bellezza della gatta.

Sarà proprio grazie a lui e agli altri strampalati personaggi che Duchessa e gli altri troveranno di nuovo la felicità. Niente da dire: un classicone di questo tipo è sempre piacevole da vedere, e il nostalgico sentore natalizio favorisce la rivisitazione di questi momenti di gloria della storia dell’animazione, e in particolare della Disney di altri tempi.

Non ultima, l’ulteriore conferma che quel tipo d’animazione è tutt’altro che obsoleta; provate a guardarlo e proverete la sensazione che si prova quando si ascolta un vinile di cui siamo abiuati ad ascoltare la versione in cd.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>