Effetti molto speciali, La Trilogia dell’Anello

di Redazione Commenta

Oggi riprendiamo la rubrica sugli effetti speciali parlandovi di un monumentale classico fantasy, la trilogia de Il signore degli anelli diretta da Peter Jackson che ha portato gli effetti speciali ad un evoluzione ulteriore, tenendo però un piede ben piantato nel passato puntando su modelllini e miniature, come fece a suo tempo George Lucas per l’altra storica trilogia, quella di Star Wars.

Jackson non si è naturalmente limitato a miniature e modellini, ma vi ha unito anche degli strepitosi effetti digitali per fondere al meglio il lavoro degli artisti che hanno collaborato al film, programmatori e scultori che hanno dato spessore e fisicità al mondo creato da Tolkien, immaginato nel corso degli anni dai più grandi illustratori,

Dietro alle incredibili sequenze del film la società Weta Workshop esperta in make-up, sculture e modellini, che ha prodotto per il film maschere, protesi, armature ed armi, creando e distaccando per l’occasione una divisione specifica per gli effetti digaitali, la Weta Digital, onde evitare di appaltare la parte computerizzata degli effetti speciali ad una società esterna.

Naturalmente il lavoro maggiore, quello che ha dato i risulati più sorprendenti è stata la realizzazione di Gollum, creatura completamente digitale, realizzata con un sofisticato sistema di motion capture che ha catturato ogni singola microespressione  ed ogni minimo movimento dell’attore Andy Serkis, attraverso un software grafico di ultima generazione. Il resto del lavoro lo hanno fatto i programmatori della Weta Digital che hanno integrato il personaggio inserendolo  nelle sequenze del film, riuscendo a dargli una consistenza impressionante e un livello di interazione con gli attori in carne ed ossa che ha dell’incredibile.

La Weta si è anche ingegnata con alcuni trucchi che provengono dalla vecchia scuola, come per esempio la prospettiva forzata con la quale il regista ha potuto ovviare alla differenza di corporatura ed altezza tipca dei personaggi di Tolkien, che potevano creare problemi interagendo insieme sullo schermo, un esempio su tutti la differenza di altezza tra gli umani e i piccoli Hobbit.

In coda al post tre video, uno speciale sulla Weta e due riguardanti Gollum, la sua premiazione all’MTV Awards e una seduta di motion capture dell’attore Andy Serkis.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>