E’ nata una star?, recensione in anteprima

di Pietro Ferraro 1

Lucia (Luciana Littizzetto) e Fausto (Rocco Papaleo) sono una coppia di genitori come tanti, che cerca di andare avanti tra alti e bassi con tanto di tran tran quotidiano e un figlio, Marco (Pietro Castellitto) che sembra poco propenso ad affrontare la vita di petto. In realtà Marco, nonostante l’aspetto dimesso cela un segreto piuttosto importante e per certi versi sorprendente. Niente di male, visto che tutti hanno i loro piccoli segreti, purtroppo però come spesso capita con i segreti un po’ più ingombranti anche questo finirà per essere svelato e nel modo più plateale e imbarazzante possibile. Lucia scoprirà grazie ad un DVD galeotto che Pietro ha intrapreso la carriera di attore porno grazie a doti impensabili. Il problema per Lucia ora è come dirlo al marito Fausto e soprattutto come tutta la famiglia sosterrà questa sconcertante scoperta, che metterà in moto una catena di esilaranti e tragicomici eventi all’insegna del doppiosenso.

Dopo il pruriginoso, fumettoso e soprattutto spiritoso Com’è bello far l’amore, il mondo del porno torna al centro di una commedia italiana e se nel caso del film di Fausto Brizzi era l’escamotage per parlare della sessualità di una coppia sposata un po’ sfiancata dal tran tran quotidiano, nel caso del film di Lucio Pellegtini (Figli delle stelle), che adatta un romanzo dello scrittore inglese Nick Hornby (dai suoi racconti sono state tratte comedy come Febbre a 90° e Alta fedeltà), si cerca di sorridere e in qualche modo ironizzare sulla famiglia, sulle odierne dinamiche genitoriali e su un certo bigottismo latente.

Pellegrini con E’ nata una star? entra in sintonia con lo humour della controparte cartacea adattandola ai suoi bisogni, il regista ha dichiarato di aver usato il 40% del materiale di Hornby e grazie a due comici di razza come la Littizzetto e Papaleo tiene a bada l’insidiosa tematica, non lasciandosi però irretire dall’intento di confezionare a tutti i costi un film per tutti, allestendo di contro un brillante gioco delle parti, che schiva con sorprendente abilità la grevità gratuita, riuscendo a scherzare con diversi tabù e soprattutto a parlare con leggerezza dell’odierna famiglia, microcosmo sociale sempre più spesso incasinato e nevrotizzante.

Nelle sale a partire dal 23 marzo 2012

Note di produzione: Pietro Castellitto è figlio delll’attore Sergio Castellitto ed ha debuttato accanto al padre nell’adattamento La bellezza del somaro. Dai romanzi di Nick Hornby sono state tratte anche le comedy About a Boy – Un ragazzo con Hugh Grant e L’amore è un gioco con Drew Barrymore.

Commenti (1)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>