Coraline e la porta magica: una fiaba dark in 3D

Coraline è una ragazzina insoddisfatta che vorrebbe una famiglia migliore ed una casa più accogliente e lo desidera a tal punto che un giorno il suo desiderio sia avvera, la piccola scopre nella sua camera un passaggio per un mondo parallelo ed alternativo a quello in cui vive, e così si ritrova in una vita da fiaba dove tutto è perfetto, ma non è tutto oro quel che luccica. Coraline ben presto scoprirà che il regno incantato in cui è entrata è una sorta di infernale trappola da cui cercherà con tutte le sue forze di liberarsi.

Henry Selick, il regista della fiaba dark Nightmare before a Christmas e di James e la pesca gigante torna all’animazione in stop motion, ma stavolta in una veste completamente rinnovata e con l’aggiunta di una nuova tecnica 3D.

Già presentato in anteprima al Portland Film Festival 2009, Coraline e la porta magica è già nelle nelle sale americane e per l’uscita italiana si parla di Luglio 2009, comunque dalle immagini viste il fascino di questa particolare tecnica d’animazione dalle atmosfere surreali e retrò non ha perso colpi ed in questa fiaba il gotico ed il dark sono onnipresenti come è nello stile del regista. Sicuramente sarà una pellicola che riserverà qualche sorpresa proprio per la particolare veste grafica adottata.

6 commenti su “Coraline e la porta magica: una fiaba dark in 3D”

Lascia un commento