B-cult, Zombie Honeymoon

di Pietro Ferraro Commenta

Per la rubrica B-movie oggi torniamo ad occuparci del prolifico filone zombie che sfoggia una deriva comedy molto corposa e ricca di piccoli cult, vedi L’alba dei morti dementi piuttosto che l’intrigante Fido di cui ci occuperemo sicuramente in un prossimo post, magari nell’apposita rubrica The Horror Zone.

Non è semplice conciliare con un certo equilibrio l’impatto splatter/mortifero che contraddistingue il genere con la comedy, due caratteristiche solo all’apparenza molto contrastanti, che invece giocano proprio su questo ricercato contrasto tra risata e digusto, che  permette a registi e sceneggiatori di osare molto con i generi, non abbandonando però mai la caratteristica connotazione horror/splatter.

Oggi parliamo del piccolo horror indipendente Zombie Honeymoon che va ben oltre lo spoof-movie e la dimensione da splatter-comedy, aggiungendo ad una surreale messisncena una riconoscibile e preponderante impronta romance, che raggiunge vette di black humor e grottesco davvero memorabili, mai tralasciando una forte impronta di realismo di fondo nelle dinamiche di coppia che vanno instaurandosi ed evolvendo tra i due protagonisti, e che mantiene la pellicola su standard ben poco fumettosi.

Il regista David Gebroe ci racconta le disavventure di Danny e Denise, coppia di sposini in luna di miele che si troveranno a travalicare il confine dell’amore terreno, quando Danny aggredito da un misterioso individuo, si trasformerà in un famelico zombie dall’istinto cannibale ben difficile da gestire per la terrorizzata, ma innamoratisima neo sposina.

Zombie Honeymoon riesce a mantenersi in costante equilibrio tra comedy e horror, caratterizzando una dinamica di coppia davvero alternativa, ponendo domande universali sull’amore ed i suoi limiti, e giocando in maniera estrema ed originale con il genere romance ricco di stereotipi tutti da rileggere.

Da rivalutare perchè: per dare un’ulteriore e alternativo significato alla frase…Finchè morti non vi separi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>