Amityville Horror, in arrivo un nuovo film formato mockumentary

di Pietro Ferraro Commenta

Il sito Movieweb ci informa che il produttore Tony DeRosa-Grund sta preparando un progetto ancora senza titolo che espanderà la mitologia della serie Amityville Horror. L’originale del 1979 si basava su una vera casa sita nel quartiere di Amityville a Long Island, dove Ronald DeFeo Jr. nel 1974 uccise sei membri della sua famiglia. Un anno dopo, George Lutz e la sua famiglia si trasferirono nella stessa casa dove avvennero terribili eventi paranormali che li costrinsero ad abbandonare l’abitazione dopo soli 28 giorni.

Questo nuovo progetto si baserà sulle esperienze di Laura DiDio e Marvin Scott, due giornalisti che hanno indagato su quegli strani eventi per il canale WNEW-TV di New York. DeRosa-Grund e la sua Evergreen Media Group hanno acquisito i diritti dai giornalisti riguardo a una seduta spiritica che ha avuto luogo nella casa il 6 marzo 1976 e che avrebbe rivelato la presenza nell’abitazione di entità sovrannaturali, tra cui un ragazzo.

Laura DiDio parla del progetto:

Marvin e io siamo entusiasti di lavorare con Tony e la Evergreen. Ho vissuto questa prova terribile e io sono l’unica persona che ha la capacità di raccontare la vera storia di Amityville nella sua interezza. Anche dopo tutti questi anni, dopo quello che ho sperimentato personalmente, non c’è niente e nessuno che potrebbe mai convincermi a tornare in quella casa.

Il progetto al momento non ha ne un regista, ne uno sceneggiatore. DeRosa-Grund definisce questo un  progetto “found footage” quindi si punterà ancora una volta ad un mockumentary low-budget in stile Paranormal Activity, il primo per il franchise.

In quanto alle ricerche e ai servizi della DiDio e di Scott si era pensato che dopo la chiusura della stazione tv tutto fosse andato perduto insieme agli archivi dell’emittente, ma una nuova copia del rapporto è venuta alla luce, insieme a filmati extra realizzati dai giornalisti. Questo materiale non sarà utilizzato nel film, ma servirà solo come base per la storia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>