Akira, svelata nuova sinossi del remake?

di Pietro Ferraro Commenta

C’è un misto di curiosità e timore per quello che il regista Jaume Collet-Serra realizzerà per trasporre in formato live-action il manga/anime di culto Akira e tra i timori dei cultori dell’originale c’è l’occidentalizzazione selvaggia che senza dubbio si farà di scenari e personaggi e a quanto trapela da una sinossi rilasciata online, non ancora confermata dalla Warner, a cambiare non sarà solo la metropoli che da Neo-Tokyo diventerà Neo-Manhattan, ma anche il mestiere del protagonista che da leader di una banda di motociclisti si trasformerebbe nel proprietario di un bar.
Akira inizierà le riprese questa primavera e nel frattempo Collider via Bleeding Cool ha pubblicato questa nuova sinossi:

Kaneda (Garrett Hedlund), proprietario di un bar a neo-Manhattan, è sconvolto quando suo fratello, Tetsuo, viene rapito da agenti del governo guidati dal colonnello.

 Nel disperato tentativo di riavere il fratello, Kaneda accetterà di unirsi a Ky Reed (Kristen Stewart) e al suo movimento clandestino intenzionato a rivelare al mondo ciò che veramente è successo a New York 30 anni fa, quando la città venne distrutta. Kaneda crede che le loro teorie siano ridicole, ma dopo aver trovato di nuovo suo fratello resterà sbalordito quando lo scoprirà dotato di poteri telecinetici.

Ky crede che Tetsuo abbia intenzione di liberare un giovane ragazzo, Akira, che ha preso il controllo della mente di Tetsuo. Kaneda si scontrerà con le truppe del colonnello mentre tenta di raggiungere Tetsuo per dissuaderlo dal liberare Akira, ma arriverà troppo tardi. Akira uscirà presto dalla sua prigione grazie a Tetsuo e Kaneda dovrà lanciarsi al salvataggio di suo fratello prima che Akira distrugga ancora una volta l’isola di Manhattan, come fece trent’anni prima.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>