10 scherzi e bufale cinematografiche made in Hollywood

di Pietro Ferraro 1

Oggi per celebrare il 1° aprile vi vogliamo proporre 10 scherzi e bufale made in Hollywood confezionati ad arte, dati in pasto ai media e che grazie al passaparola hanno raggiunto la grande platea, sino ad assumere un mostruosa consistenza mediatica come accaduto con molte leggende metropolitane.

Per stilare la nostra classifica abbimo attinto sia dal passato con bufale all’insegna del complottistico che dal presente con alcuni recenti e piuttosto divertenti pesci d’aprile che grazie ad internet hanno assunto imbarazzanti proporzioni globali.

Subito dopo il salto trovate la nostra classifica. (fonte The Quietus/IGN)


1-L’allunaggio di Armstrong filmato da Kubrick.

Questa della finta missione Apollo fa parte della mitologia complottistica di sempre e in questo caso si aggiunge la bravura di un regista come Stanley Kubrick assoldato dal governo al fine di rendere perfetta la simulazione.

2-I filmati di The Blair Witch Project


Il mostruoso successo tutto mediatico di questo film nasce da dubbi instillati ad arte dai giovani realizzatori del film su presunti filmati reali durante la presentazione del film ai vari festival, che diedero alla pellicola ben realizzata, ma piuttosto modesta un surplus di appeal che trasformò l’operazione in un fenomeno.

3-Il trailer di Legend of Zelda


Questo è un vero e proprio pesce d’aprile piuttosto elaborato giocato scherzosamente dal sito di videogames e cinema IGN ai propri lettori con l’annuncio del trailer ufficiale di un segretissimo progetto che riguardava un presunto adattamento live-action del leggendario videogioco Legend of zelda.

4-La carriera hip hop di Joaquin Phoenix

Presentato alla sessantasettesima Mostra del cinema di Venezia il falso mockumentary I’m still here con protagonista Joaquin Phoenix in crisi mistico-artistica che si dava all’hip-hop ha avuto una laboriosa progettazione con la regia dell’amico Casey Affleck e l’apparizione di un barbuto e monosillabe Phoenix nientemeno che al David Letterman Show.

5-Le lettere perdute di Marilyn Monroe


Sulla scia del film The Hoax-L’imbroglio che raccontava della finta autobiografia su Howard Hughes che costò allo scrittore Clifford Irvin un anno e mezzo di prigione, spuntano sul prestigioso magazine Vanity Fair delle lettere scritte dal Presidente Kennedy a Marilyn purtroppo dei clamorosi e ben architettati falsi.

6-Werner Herzog a caccia del mostro di Loch Ness


Il sistema è quello utilizzato in The Blair Witch Project, Incident at Loch Ness di Zak Penn è un falso documentario che stavolta coinvolge nientemeno che il regista Werner Herzog e il dietro le quinte di un suo progetto mai realizzato.

7-Gli scherzi da sala di William Castle


William Castle uno dei piu famosi produttori di horror della storia di Hollywood se ne inventò parecchie per sorprendere il pubblico dei suoi film, da finte polizze sulla vita la cui stipula era consigliata prima della proiezione dei suoi film o finti infermieri nella sala per intervenire in caso di malori, fino a far svolazzare uno scheletro sulla platea durante le proiezioni, l’utilizzo di occhialini 3D con una sola lente e poltrone particolarmente reattive.

8-Bigfoot vs. Pianeta delle scimmie


Senza dubbio il filmato più famoso del mitologico Bigfoot è quello girato dalla coppia Roger Patterson and Bob Gimlin, leggenda vorrebbe che alla burla abbia partecipato il truccatore premio Oscar John Chambers e che il costume indossato per la sequenza sia stato realizzato con resti di costumi e make-up creati dall’artista per Il pianeta delle scimmie, ovviamente Chambers nega ogni coinvolgimento.

9-Lo snuff-movie di Ruggero Deodato


Poteva mancare nella nostra classifica il controverso Cannibal Holocaust di Ruggero Deodato? Certamente no e vista la veste da mockumentary e le numerose violenze su animali mostrate, il film venne da alcuni tacciato di celare sequenze snuff, cioè di mostrare tra un effettaccio e l’altro qualche sequenza reale…beata ingenuità. (ATTENZIONE: sconsigliamo vivamente la visione del video agli spettatori più sensibili)

10-Quarta dimensione vs. Quarto tipo


Chiudiamo con un paio di bufale che hanno coinvolto addetti ai lavori e spettatori, nel primo caso la recentissima notizia che il prequel The Hobbit sarebbe stato girato in un fantomatico 4D che ha ingannato siti specializzati e carta stampata e il finto mockumentary sui rapimenti alieni Il quarto tipo di Olatunde Osunsanmi, film che nella sua furbesca ambiguità della storia ispirata ad eventi reali ha ingannato non pochi spettatori.

Commenti (1)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>