Wrong Turn, la trilogia

di Redazione 3

Per l’angolo dedicato all’horror oggi vi segnaliamo la trilogia cannibal-family di Wrong Turn, che dopo il primo capitolo Wrong turn-Il bosco ha fame prodotto dal mago del make-up Stan Winston, ideatore anche del look del terzetto di cacciatori deformed, proseguirà autonomamente il suo percorso produttivo imboccando la strada del direct-to-video perdendo in qualità, ma non in efferatezza.

Il regista Rob Schmidt nel primo episodio mette in scena un convenzionale, ma efficacissimo survival horror, gli ingredienti del filone a base di famglie D&D (deformi e disturbate) ci sono tutti, gruppetto di ragazzi sperduti, immensa foresta isolata, terzetto di cannibali patiti della caccia, e naturalmente l’ora di cena che incombe sui fuggitivi.

Make-up molto ben sfruttato, Winston caratterizza personalmente tutte e tre i cannibali, dandogli peculiarità fisiche ben definite e subito riconoscibili, naturalmente la caratterizzazione dei tre villain andrà perdendo di consistenza con il diminuire del budget nei successivi sequel.

Nel secondo capitolo, Wrong turn 2-Senza via d’uscita, di scena un reality-game organizzato proprio nei boschi terreno di caccia del famelico terzetto, inutile dire che concorrenti, troupe e presentatore saranno tutti nominati, e naturalmente invitati a cena dai padroni di casa.

Terzo capitolo in scemando, in Wrong Turn 3-Left for dead il comparto splatter resta dignitoso, ma la storia perde consistenza e molto dell’appeal iniziale, ancora  un gruppo di amici finiti nelle grinfie di un cannibale mutante, stavolta impegnato in una battuta di caccia in solitaria, il bracconiere in questione oltre che divertirsi con la comitiva di giovani sprovveduti, avrà anche l’occasione di dirottare un trasporto di detenuti, un’idea che sembra concepita ad hoc per dare una scossa al sonnolento e ripetitivo contesto, funzionerà, ma solo in parte.

WRONG TURN -LA TRILOGIA:

WRONG TURN-IL BOSCO HA FAME di Rob Schmidt (USA/Germania,2003)

WRONG TURN 2-SENZA VIA D’USCITA di Joe Linch (USA/Canada, 2007)

WRONG TURN 3-LEFT FOR DEAD di Declan O’Brien (USA,2009)

Commenti (3)

  1. Caro Pietro,
    condivido la recensione pienamente.
    Ho molto apprezzato il primo e il secondo episodio della trilogia, meno l’ultimo che effettivamente ho trovato ripetitivo, in alcuni punti più che sonnolento e un pò azzardata la variante con i detenuti.
    Indimenticabile l’ex marine del secondo episodio e la vegana, alla quale devo fare una particolare nota di merito perchè prima di vedere il film non sapevo che i vegani fossero dei vegetariani radicali …. è proprio vero che gli horror oltre a tutte le innumerevoli qualità che solo noi patiti riusciamo a cogliere, insegnano anche qualcosa 🙂
    Saluti!!!
    Ip

  2. @ Ipercritico:
    mi trovate d accordo il secondo episodio lo trovo perfetto nuovo inovativo come horror e anke sarcastico nella scena in cui pregano a tavolano… (cn i presenti)il 3 troppo scontato e privo di suspence….vi chiedo se sapete se ci sarà anche il 4° episodio…nell ultimo il finale lascia presagire un seguito…grazie…. =)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>