Truth or Dare, recensione in anteprima

di Pietro Ferraro Commenta

Il film ha un incipit festaiolo, facciamo la conoscenza di un gruppo di amici intenti a bagordare per la festa di fine anno, uno di loro il timido Felix (Tom Kane) decide di dichiararsi alla bella e irraggiungibile Gemma (Florence Hall), quest’ultima lo respingerà gentilmente, ma in seguito una partita a Obbligo o verità finirà per mandare in escandescenze Chris (Jack Gordon), il fidanzato geloso di Gemma che picchierà e umilierà Felix.

Tempo dopo felix, archiviato l’imbarazzante accaduto e a quanto pare anche i rancori, inviterà alcuni dei partecipanti a quella famosa festa di fine anno nel suo castello di famiglia per festeggiare il suo compleanno, ma una volta giunti sul post Chris e compagni troveranno ad accoglierli Justin (David Oakes), il fratello maggiore di Felix, un soldato appena rientrato dall’Afghanistan che ha in serbo per loro un’inattesa sorpresa…

Il regista Robert Heath, dopo il drammatico Sus, si cimenta con un thriller che mette in scena un’intrigante e claustrofobico gioco al massacro consumato all’interno di una baita isolata, in cui il celebre gioco Obbligo o verità diventa un mezzo per mettere in luce lati oscuri e segreti inconfessabili di cinque amici e scovare tra di loro un colpevole.

La regia di Heath è oltremodo stilosa, lo script serrato e gli attori davvero bravi, il film miscela diversi generi dal thriller psicologico al revenge-movie, ammiccando a titoli come Saw,  classici come Carrie e piccoli gioielli come il thriller/horror The Hole con Thora Birch.

Truth or Dare rispettando appieno tutto il repertorio tensivo tipico del genere riesce ad intrattenere con intelligenza, regalando novanta minuti di godibile tensione e soprattutto, cosa non da poco, di ottima recitazione.

Un film senza dubbio prevedibile nella sua evoluzione, ma non per questo meno efficace nello sfruttare cliché che sono parte integrante del genere e ne rappresentano meccanismi narrativi imprescindibili, a questo aggiungiamo un gradevole tocco british che tra cast e location supporta in positivo l’intera operazione, insomma tirate le somme la visione è caldamente consigliata.

Film correlati: The Hole / Saw –  L’enigmista / Carrie – Lo sguardo di satana / H2Odio

Note di produzione: nel cast figurano anche Jennie Jacques (Demons never die) e Jason Maza (Fish Tank); l’attore David Oakes (Justin) è apparso nelle serie tv The Borgias e I pilastri della terra, mentre Jack Gordon (Chris) nel sequel-horror Wrong Turn 3 – Svolta mortale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>