James Dean, l’action figure del film Il gigante

Oggi per lo spazio gadget cinematografici vi proponiamo un’action-doll che riproduce l’attore James Dean in versione cowboy ne Il giganteclassico del 1956 diretto da George Stevens  e interpretato da Elizabeth Taylor e Rock Hudson, nonchè ultima apparizione di Dean, morto in un incidente stradale al termine del riprese.

Somewhere, recensione

Johnny Marco (Stephen Dorff) è una star partorita dalla Hollywood più vacua e dissoluta, la sua è un’esistenza totalmente scollegata dalla realtà, tanto che la sua residenza è una suite del leggendario hotel di Los Angeles Chateau Marmont dove ha trovato la morte l’attore John Belushi, si è ferito Jim Morrison e dove hanno transitato la Garbo, Marilyn Monroe e James Dean.

Il quotidiano di Marco è scandito da festini a base di droga, discinte spogliarelliste e sesso occasionale, il tutto immerso in un torpore che aiuta a nascondere un’apatia di fondo a cui si aggiungono interminabili corse senza meta in Ferrari, sedute fotografiche, conferenze stampa e via così, un caotico giorno vuoto dietro l’altro.

A sconvolgere il torpore delle giornate di Marco spunterà la figlia undicenne Cleo (Elle Fanning) frutto di un matrimonio fallito che spingerà l’uomo al cambiamento con piccole invasioni di campo, non facendo altro che mettere di fronte a Marco un diverso punto di riferimento e le responsabilità di un ruolo, quello di padre, mai realmente preso in considerazione.

A sangue freddo: la top five dei vampiri next-generation

Oggi facendo riferimento ad alcune classifiche in giro per il web e ai nostri gusti personali cerchiamo di stilare un mini-classifica dei vampiri più famosi e letali del nuovo millennio, ci limitiamo alle produzioni più recenti evitando di citare i grandi interpreti classici ormai vere icone come Bela Lugosi, Frank Langella o Cristopher Lee, per lasciare spazio alle nuove generazioni di giovani succhiasangue, quelli dannati, afffascinanti e dall’animo irrimediabilmente romance.

1-Lestat/Luis (Intervista con il vampiro) qui abbiamo una coppia di vampiri che rappresentano gli opposti versanti del dono oscuro, Tom cruise/Lestat malvagio fino al midollo ama profondamente il suo lavoro e lo fa con dedizione ed il povero Brad Pitt/Luis vittima di se stesso e di una scelta che ne ha decretato la dannazione eterna.

Warner Bros.: quando l’intrattenimento è storia

la Warner Bros Pictures Entertainment Inc. che ha sede in California viene fondata nel 1923 dai quattro fratelli Warner, veri pionieri del cinema sonoro, che nel 1926, dopo aver consolidato la loro forza distributiva con l’acquisto di un’imponente catena di cinema, investono nell’avveniristico sistema Vitaphone che sincronizza immagini e tracce audio durante le proiezioni.

Lo stesso anno l’esordio produttivo con l’ausilio del nuovo sistema sonoro, Don Giovanni e Lucrezia Borgia, seguito nel 1927 da Il cantante jazz, il Vitaphone è una grande innovazione che permette alla società di guadagnarsi uno speciale Oscar tecnico.

James Franco: non solo Harry

Le sue origini sono estremamente eterogenee: italiane, portoghesi, svedesi. questo suo “essere multiformre” potrebbe averlo ispirato nella scelta della carriera da intraprendere. Fratello di David e Tom, ha studiato inglese alla UCLA, e poi si dedica anima e corpo alla recitazione.

Non passa molto tempo che arriva il debutto in tv in un episodio di Pacific Blue, poco dopo quello al cinema nella commedia Mai stata baciata. Sempre in televisione prende parte a Freaks and Geeks, anche se la serie viene poi sospesa.

Il suo volto e le sue capacità lo rendono l’interprete ideale per il film James Dean, ovviamente nel ruolo di protagonista. La partecipazione al film gli vale il Golden Globe come migliore attore protagonista, segnando una svolta notevole nella sua carriera.