Sundance 2011, anteprima per Red State e My idiot brother

di Pietro Ferraro 1

Nuovo aggiornamento sul Sundance Film Festival 2011 che oggi affronta la sua quarta giornata di programmazione, ma prima di passare a qualche interessante pellicola in cartellone vi segnaliamo che tra le novità di questa edizione ci sarà l’ampliamento delle sezione speciale dedicata alle anteprime, a cui si aggiungerà una sezione dedicata ai soli documentari.

Veniamo al programma, oggi ci concentriamo sulle anteprime iniziando con l’atteso Red State, il regista Kevin Smith torna al Sundance dopo la vittoria nel lontano 1994 del suo Clerks e stavolta si cimenta con un thriller-horror raccontando di tre ragazzi in cerca di sesso facile che rispondono ad un annuncio on-line, finendo per cadere a piè pari un un vero incubo ad occhi aperti popolato di folli predicatori e sacrifici umani.

Altra premiere per la comedy Cedar Rapids del regista portoricano Miguel Arteta che ci racconta dell’ingenuo agente assicurativo Tim Lippe, interpretato dall’Ed Helms del serial The Office, che per una convention si allontana dalla sua piccola cittadina per affrontare i pericoli e le tentazioni di una, almeno dal suo punto di vsta tentacolare metropoli.

Altra attesa anteprima la comedy Win Win, terza prova dietro la macchina da presa per Thomas McCarthy regista de L’ospite inatteso e del pilot dell’imminente serie tv Game of Thrones. La trama vede Paul Giamatti (La versione di Barney) nei panni di un disilluso avvocato che per hobby allena una squadra liceale di lotta, la cui vita verrà messa a soqquadro dalla giovane nipote di un suo anziano cliente.

Chiudiamo con la premiere di My idiot brother, il regista Jesse Peretz ci racconta del combinaguai Ned (Paul Rudd) che fresco di rilascio dalla prigione ripiomba nella vita delle sue tre sorelle creando non poco scompiglio.

Commenti (1)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>