Oscar 2015: trionfo di Birdman e flop di Boyhood

di Cinemaniaco Commenta

Sembrava uno dei film favoriti alla vittoria della tanto agognata statuetta per il miglior film, e invece “Boyhood” si è visto soffiare l’Oscar da “Birdman”, che guida la classifica dei film più premiati insieme a “Grand Budapest Hotel”.

Quest’ultimo, il film di Wes Anderson, ha vinto nelle cosiddette categorie tecniche, portando a casa quattro Oscar, per la miglior scenografia, miglior make-up, miglior colonna sonora originale e migliori costumi (con l’italiana Milena Canonero). Quattro statuette anche per “Birdman” di Alejandro González Iñàrritu, come dicevamo, che vince come miglior film, miglior sceneggiatura originale, miglior fotografia e miglior regia.

Nel suo discorso per la vittoria finale, il regista ha portato al centro dell’attenzione delle questioni politiche riguardanti la sua terra d’origine, il Messico:

Prego affinché riusciamo a trovar e a costruire il governo che ci meritiamo.

E poi un pensiero agli immigrati affinché vengano trattati “con la stessa dignità e rispetto di quelli che sono venuti prima e hanno costruito questa incredibile nazione di immigrati”.

Quasi a bocca asciutta “Boyhood”, il film girato nell’arco di 12 anni da Richard Linklater, che porta a casa solo una statuetta per la miglior attrice non protagonista Patricia Arquette, nonostante le sei nomination.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>