L’ultimo dominatore dell’aria 3D: serie animata, spin-off e graphic-novel

di Pietro Ferraro 3

Venerdì esce nelle sale L’ultimo dominatore dell’aria, fantasy diretto dal regista de Il sesto senso M. Night Shyamalan, che ha adattato in un live-action la serie animata statunitense vincitrice di un Emmy Avatar-La leggenda di Aang.

Per l’occasione vogliamo approfondire l’origine di quella che dovrebbe diventare una trilogia parlando della serie animata, della graphic-novel e dello spin-off in arrivo nel 2011 e annunciato all’ultimo Comic-Con di San Diego.

Iniziamo con l’acclamata serie tv formata da tre stagioni per un totale di 61 episodi, il concept che miscela misticismo orientale con arti marziali e dal tratto ispirato ai maestri dell’animazione giapponese come Hayao Miyazaki, è opera dei produttori ed animatori Michael Dante Dimartino e Bryan Konietzko, entrambi collaboratori per la serie I Griffin.

La serie impostata in capitoli come un libro racconta dell’Avatar Aang, giovane dominatore dell’aria capace di padroneggiare i quattro elementi naturali, che ritrovato dopo cento anni di guerra scatenata dal Regno del fuoco riporterà l’equilibrio e la pace nel regno.

Oltre alle stagioni regolari la serie ha fruito di un tv-movie ed è stato annunciato anche lo spin-off Legend of Korra che presenterà un protagonista totalmente inedito, un nuovo avatar che si reincarnerà settant’anni dopo gli eventi narrati nella serie originale.

Oltre allo spin-off, la serie ha già fruito anche di due adattamenti in formato manga, il primo The Last Airbender: Prequel: Zuko’s Story scritto da Alison Wilgus e Dave Roman è stato illustrato da Nina Matsumoto, quest’ultima  autrice di una parodia manga dei Simpson e il secondo The Last Airbender sulla scia del film riassume la prima stagione della serie ed è curato dagli stessi autori del prequel e illustrato da Joon Choi.

In coda al post troverete una galleria fotografica con immagini della serie e dei fumetti e a chiudere due clip musicali.

Commenti (3)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>