Le comiche, recensione

di Pietro Ferraro 1

Il film si apre con i due protagonisti, Paolo (Paolo Villaggio) e Renato (Renato Pozzetto) che per evitare di essere investiti da un treno, fuoriescono dallo schermo di un’affollata sala cinematografica tra lo sbigottimento generale ed iniziano la loro avventura nel mondo reale pronti ad ordire, con una certosina e inconscia premeditazione una serie di spassosi disastri. Si comincia da una chiesa da ristrutturare in cui una stramba coppia di futuri sposi diventerà vittima dell’inettitudine dei due improvvisati manutentori, con un finale in stile torte-in-faccia che vedrà coinvolto un organo e tanta vernice. A questo catastrofico esordio seguiranno una serie di impieghi che includeranno nell’ordine: benzinai in una stazione di servizio, rappresentanti porta-a-porta e impiegati di un’agenzia di pompe funebri. Tra un lavoro e l’altro i due avranno anche il tempo di seminare il panico su una spiaggia e finire nelle mani di un clan mafioso, per tornare in un’affollatissimo gran finale a vedersela con il treno del prologo.

Primo film di una fortunata trilogia che vede Renato Pozzetto e Paolo Villaggio ripescare una comicità d’altri tempi e tempi comici alla Stanlio & Ollio che entrambi hanno sfruttato a più riprese nella loro lunga carriera, Villaggio per il suo Fantozzi e Pozzetto quando recitava in coppia con l’amico e collega Cochi Ponzoni.

L’idea è di riproporre una formula, il film è del 1990, all’epoca tanto classica quanto inedita nell’affollato panorama delle commedie all’italiana, una scelta coraggiosa nobilitata dalla regia del veterano Neri Parenti e dalla innata vis comica dei due protagonisti, dotati di una fisicità perfettamente adatta all’occasione. Questi elementi permettono al film di divertire e di non ripetersi, grazie anche all’escamotage degli sketch con annessi ripetuti cambi di location e all’idea, funzionale ed efficace di presentare i due protagonisti come fumettosi personaggi di un film nel film, all’insegna di una narrazione metacinematografica che regala alla pellicola un’intrigante marcia in più.

Note di produzione: il cast include Enzo Cannavale e Gian. Il regista Neri Parenti ha collaborato alla sceneggiatura. Il film ha fruito di due sequel Le comiche 2 (1991) e Le nuove comiche (1994).

Commenti (1)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>