Le colonne sonore di 007

di Enrico.Nanni Commenta

Il suono ha contribuito quasi quanto le immagini a creare l’atmosfera che si respira nei film di James Bond. Affascinanti, al passo coi tempi, sostenute come i ritmi della vita dell’agente segreto più famoso del mondo, e improvvisamente dolci, melense, quasi malinconiche: ecco a voi le colonne sonore di 007.

L’orrore che ho dell’enciclopedismo mi spinge a proporre, ancora una volta, una top five, piuttosto che una mera lista di canzoni con compositore fra parentesi. Se ci pensate bene, poi, la musica può essere considerata come la colonna sonora della vita.

Utilizziamo canzoni per ricordari l’intensità emotiva di questo o quel momento, e ci sono istanti che non scorderemo mai, perchè magari avevamo gli occhi chiusi, ma le orecchie ben tese a percepire ogni sfumatura delle vibrazioni presenti nell’aria.

Possiamo pensare dunque a un James Bond senza colonna sonora? Ve lo immaginate? A chi toccherebbe dunque il compito di sottolineare le arditissime azioni del nostro eroe, a insistere sulla drammaticità del momento.

La colonna sonora è un fattore insostituibile, e 007 ce ne ha regalate così tante che per ascoltarle tutte di seguito dovremmo prendere ferie. La scelta è veramente difficile, perchè è legata a preferenze strettamente personali, quindi, diciamo, si tratta di una top five fatta un pò per gioco.

Al quinto posto ci metto, senza riserve, la colonna sonora di Octopussy, operazione piovra (1983). In questo modo prendo due piccioni con una fava: il primo piccione è John Barry, compositore storico dei soundtrack di 007, che rivedremo in questa classifica.

Il secondo invece è la canzone All Time High scritta da Tim Rice e cantata da Rita Coolidge, che ha sempre esercitato su di me un certo fascino. Entrambi gli elementi sono peraltro adattissimi al film.

Salendo di un gradino troviamo, al quarto posto, il soundtrack di Solo per i tuoi occhi (1981). Le musiche sono state composte e dirette da Bill Conti, mentre la canzone omonima For Your Eyes Only, scritta da Michael Leeson e cantata da Sheena Easton ha ricevuto addirittura una nomination all’Oscar come Miglior Canzone.

Al terzo posto l’immancabile colonna sonora di Vivi e lascia morire (1973). Devo dire la verità, più che per le ottime musiche composte da George Martin, il posto in classifica per me è dato dalla presenza della bellissima Live and Let Die scritta da Paul e Linda McCartney e cantata da Paul McCartney and Wings, anch’essa nominata agli Oscar come Migliore Canzone.

Siamo quasi in cima alla vetta. Si vive solo due volte (1967) è per me uno dei film che mi hanno emozionato di più, anche perchè è uno dei primi film della serie che ho visto. L’indimenticabile musica di John Barry è affiancata da You Only Live Twice scritta da Leslie Bricusse e cantata da Nancy Sinatra.

Rullo di tamburi: da tradizionalista quale sono, il primo posto non poteva toccare che al mitico tema di
Licenza di Uccidere (1962); musiche di Monty Norman e una fantastica James Bond Theme suonata da John Barry e la sua orchestra.

La scelta è stata assurdamente ardua. Sicuramente sarbbe interessante approfondire il tema del legame tra suoni e immagini, e capire, cosa molto difficile, se esiste una metrica per la descrizione della qualità del collegamento tra immagini e suoni, e di come questo viene percepito.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>