Il Riccio, recensione

di Redazione 8

In un bel condominio francese vive la portinaia Renée (Josiane Balasko) che sembra avere la ferma intenzione di far credere a tutti di essere una scorbutica, ignorante e ben poco femminile misantropa, anche se nella realtà alla fine dell’orario di lavoro, quando nessuno può vederla Renée si lascia andare  alle sue passioni più nascoste come l’arte, la musica e la cultura giapponese che la donna ama e ripetta profondamente.

L’unica che sembra andare oltre la maschera indossata quotidianamente da Renée e la dodicenne Paloma (Garance le Guillermic) che oltre a soffrire di un carenza d’affetto, colpa dei genitori, padre assente e madre perennemente depressa, sfoggia un cinismo ed una determinazione davvero impressionanti nel pianificare e dare una data precisa al suo imminente suicidio.

In attesa della fatidica data, che coinciderà con il suo dodicesimo compleanno, Paloma scoprirà la vera Renée che verrà smascherata da un nuovo e altrettanto burbero inquilino di origine giapponese, il signor Ozu (Togo Igawa) che come la portinaia dietro ad un indole da riccio, nasconde un animo sensibile ed una sorprendente eleganza.

Dopo un successo editoriale di tali proporzioni, 50 ristampe e oltre 600.000 copie vendute, era imprescindibile una trasposizione cinematografica del romanzo L’eleganza del riccio della scrittrice francese Muriel Barbery, al timone della sempre ardua impresa di adattare un romanzo con così tanti ammiratori/lettori la regista esordiente Mona Achace.

Bisogna ammettere che la Achache risulta dotata di un tocco delicato e di un’impronta visiva molto elegante, e con in più un percettibile tocco al femminile che impreziosisce l’adattamento, rendendolo fruibile anche a chi non conosce il romanzo, senza per questo tradirne intenti e suggestioni.

Il Riccio si rivela una pellicola sorprendente sia per l’eleganza con cui viene allestita la parte narrante, con la bravissima Garance le Guillermic/Paloma, sia per la squisita messinscena che miscela elementi visivi come l’animazione a suggestioni sonore mai superflue come la bella colonna sonora, in questo caso perfettamente incastonata nella successione degli eventi, ed elemento chiave nel sottolineare le sfumature emotive delle protagoniste, tra cui non si può non citare l’efficace Josiane Balasko/Renée.

Commenti (8)

  1. beh io sono andata a vederlo ieri e devo dire di aver passato una bella oretta e mezza. consigliato 🙂

  2. A chi ha scritto questa recensione: Renée ha l’accento grave e Kakuro non è affatto burbero.. saluti

  3. @ Gisella:
    Grazie della precisazione e naturalmente pardon per l’accento grave, magari se ci dai anche un tuo parere sul film ci farebbe piacere.

  4. Adattamento molto buono. La regista è riuscita a trasporre parti che credevo sarebbero state ignorate del tutto perchè troppo difficili da inserire in un contesto cinematografico. Si sente la mancanza della parte narrata di Renèè, che ha molto spazio sul libro, ma la storia viene comunque svolta benissimo. Paloma….perfetta 🙂

  5. Film sconvolgente, delicato e suggestivo, riesce a toccare in maniera profonda la tematica della morte

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>