Hunger games conquista Roma

di Redazione Commenta

E’ stata una giornata veramente speciale quella vissuta ieri all’ottava edizione del Festival del Film di Roma. Una giornata di emozioni, attesa da molto. Molti lo hanno chiamato l’Hunger Games Day.

Un nome tutt’altro che casuale. Già, perché ieri la Capitale (precisamente presso l’Auditorium Parco della Musica, sede della Kermesse) ha ospitato parte del cast di “Hunger Games – La ragazza di fuoco”. C’era il regista, Francis Lawrence, accompagnato da Liam Hemsworth, da Josh Hutcherson e dalla bellissima Jennifer Lawrence.

In poco meno di una giornata tutti i ticket sono andati esauriti. Il red carpet è stato teatro di un momento di delirio puro, con tutto l’Auditorium ‘infuocato’ per le star della pellicola. Già dalle prime luci del mattino, centinaia di fan si sono accalcati ai bordi del tappeto rosso nella struttura disegnata dal grande architetto Renzo Piano.

Gente che ha dormito, al freddo, nei sacchi a pelo nei pressi dell’Auditorium. Sempre più gente, più passavano le ore. Così, già alle 16 del pomeriggio la Cavea dell’Auditorium utilizzata d’estate per i concerti all’aperto e in grado di contenere circa 8/10.000 persone, era gremita. Piena zeppa di supporter provenienti da tutta Italia. Basti pensare che c’erano ben 4.000 persone accalcate al tappeto rosso, con striscioni, iPad, iPhone, macchine fotografiche, penne, quaderni. Tutti in cerca di un ricordo.

La sicurezza ha dovuto chiudere anzitempo i cancelli per prevenire l’ingresso di una struttura che stava per ‘esplodere’.

Tra le 17 e le 19, momento in cui il cast di Hunger Games si preparava ad abbandonare il red carpet dopo una mezz’ora abbondante di sorrisi, autografi, foto ed interviste, è stata una festa mai vista prima.

Un momento che ha lasciato attoniti gli stessi protagonisti del cast, che non si aspettavano così tanto amore. Pensare che 20 mesi fa l’Italia aveva snobbato il primo capitolo della saga. Finì con 3 milioni di euro di incasso, un bottino esiguo.

Ora, l’episodio due ha già guadagnato 400 milioni di dollari in America, e l’homevideo del primo capitolo è andato a ruba. Chi lo sa, dopo questo ingresso trionfale in Italia, forse il sequel ai botteghini farà lo stesso effetto…

Foto | Tiziana Fabi/ AFP

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>