Finalmente maggiorenni, recensione in anteprima

di Pietro Ferraro Commenta

Quattro amici Will (Simon Bird), Simon (Joe Thomas), Jay (James Buckley) e Neil (Blake Harrison) hanno appena terminato la scuola superiore alla periferia di Londra e si stanno per imbarcare nella vacanza di una vita, non prima però che Jay perda suo nonno, Simon venga lasciato dalla sua fidanzata Carli e Will scopra che suo padre fresco di divorzio ha inaspettatamente sposato la sua amante molto più giovane e per giunta senza invitarlo al matrimonio. Ognuno con qualcosa da dimenticare, tranne Neil che invece parte fidanzato e con l’impegno a non tradire la sua ragazza, i quattro partono alla volta di Creta in Grecia, dove hanno intenzione di affogare i loro dispiaceri in ettolitri di alcool e nottate di sesso selvaggio.

Chiaramente i quattro nerd si ritroveranno in un’atmosfera festaiola in cui pur cercando di fare i disinvolti non si troveranno proprio a loro agio, ma in loro soccorso arriveranno quattro ragazze loro connazionali, Alison (Laura Haddock), Lucy (Tamla Kari), Lisa (Jessica Knappett) e Jane (Lydia Rose Bewley) che rotto il ghiaccio diventeranno per alcuni di loro la scoperta dell’amore, per altri del sesso e per tutti la riuscita di una vacanza di quelle memorabili di cui in futuro potersi vantare con i propri figli…magari omettendo qualcosina.

La pluripremiata sit-com britannica The Inbetweeners approda su grande schermo in un adattamento curato dai suoi creatori Damon Beesley e Iain Morris e diretto dal regista televisivo Ben Palmer. Il team dilata tempi e ritmi del format televisivo adattandoli senza troppa fatica al formato cinematografico, miscelando elementi che hanno fatto la fortuna di serie come American Pie e Una notte da leoni, pescando a piene mani anche dell’ultimo sboccatissimo filone made in USA rigorosamente all’insegna del politicamente scorretto, vedi comedy come Le amiche della sposa e il recente Cambio vita, dando al filone teen-movie di chiara matrice americana una freschezza inaspettata e da troppo tempo entrata nella logica dei sequel-fotocopia ad oltranza che ha decretato la dipartita del genere.

Nonostante nudi integrali e volgarità a profusione con Finalmente maggiorenni si ride di cuore, ci si imbarazza e alla fine si finisce per tifare per questi quattro sfigatissimi nerd che alla fine, nonostante tutto avranno la loro rivincita, come prometteva il titolo della celeberrima trilogia di college-comedy anni ’80/’90. Insomma se non ci si scandalizza facilmente visti i contenuti piuttosto espliciti c’è davvero da divertirsi, naturalmente visto il periodo di festività che invoglia a portare al cinema la famiglia, ci sembra giusto ribadire che questo non è proprio il film giusto da condividere con la prole.

Nelle sale a partire dal 4 gennaio 2012

Note di produzione: la pluripremiata sit-com da cui è tratto il film ha avuto anche un remake americano. Del cast Simon Bird e Joe Thomas sono al loro debutto su grande schermo mentre James Buckley visto nella popolare serie Skins è già apparso nel drammatico Everywhere and Nowhere (2011) mentre Blake Harrison nella comedy per famiglie Re-Uniting the Rubins (2010).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>