Echo, cortometraggio

di Pietro Ferraro Commenta

Per i cortometraggi e in particolare per la produzione sci-fi, sicuramente uno dei più interessanti e prolifici filmaker italiani è il regista Fabio Salvati, nei suoi lavori si nota una genuina passione per il genere che gli permette di utlizzare stereotipi e punti di riferimento con una discreta padronanza, a cui si aggiunge un’indubbia conoscenza del mezzo tecnico, ed un’abiltà innata nel fare di low-budget virtù.

Uno schianto sul pianeta Eternity porterà il comandante della Corporazione Judd Renika (Philip borg/Filippo Borghi) a toccare con mano i devastanti risultati di alcuni esperimenti illegali sul continuum spazio-temporale.

Nonostante Echo sia uno dei primi lavori del regista, il terzo in ordine di realizzazione, ci è sembrato molto più efficace di Populous altro corto da noi recentemente recensito. Dopo un prologo hi-tech da manuale, doveroso quando si approccia la fantascienza su schermo, si viene catapultati, o in questo caso teletrasportati, in un coinvolgente episodio apocrifo di Star Trek, ma la cosa più interessante e che nonostante look, location e contenuti omaggino palesemente il classico televisivo di Roddenberry, tutto ha un’intrigante impronta personale.

Salvati aggiunge alla messinscena e allo script elementi tipici di molta fantascienza da piccolo schermo, con nobili contaminazioni letterarie che hanno figliato anche fascinosi ibridi, vedi la serie cult Ai confini della realtà. Paradossi e anelli temporali, alter ego dimensionali, i misteri sulla percezione umana della realtà, tutti elementi sfiorati, suggeriti e veicolati con indubbia originalità, cosa non facile quando si maneggia un solido background come quello del cinema di genere.

Tornerermo sicuramente a recensire i lavori di Salvati, per il momento non possiamo che ribadire come anche in questo corto si percepisca una passione per il genere che va oltre la messinscena e le indubbie capacità tecniche, elementi che danno al lavoro di questo regista un surplus di credibilità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>