Nyarlathotep, cortometraggio

di Pietro Ferraro Commenta

Oggi vi vogliamo segnalare un interessante cortometraggio d’nimazione dal look alquanto bizzarro, e proprio per questo molto intrigante, al lato estetico  si aggiunge la peculiarità di ispirarsi allo scrittore H.P. Lovecraft e alla suggestioni horror di uno dei suoi racconti più famosi, adattato con indubbia passione per il genere e l’autore, percorrendo un approccio visivo e cromatico mai banale.

Nyarlathotep è un cortometraggio d’animazione realizzato in grafica 3D da Michele Botticelli, che oltre ad occuparsi del comparto tecnico/visivo e a coordinare il progetto, adatta anche il racconto di Lovecraft, script a cui si aggiungono le suggestive musiche di Carlo Ferri e i disegni di Alessandro Manna.

Lovecraft è un autore davvero arduo da trasporre su schermo, i suoi racconti vivono di suggestioni che elaborano un atavico immaginifico fatto di paure inconsce, fobie e l’innato terrore dell’ignoto, elementi che sino ad oggi sono stati semplificati e portati sullo schermo in frammenti di fantastico ed orrorifico che forse solo Carpenter con Il seme della follia è riuscito ad omaggiare e descrivere, anche se a ben guardare nessuno è mai riuscito ad approcciarsi in maniera davvero efficace ed adeguata ai racconti dello scrittore americano senza involontariamente tradirne intenti e suggestioni.

Quindi tanto di cappello al coraggio e all’approccio originale di Botticelli e compagni nel provare a rappresentare cotanto immaginario, speriamo di poter recensire presto un’ulteriore evoluzione del lavoro di questo volenteroso team creativo.

NYARLATHOTEP PRIMA PARTE

NYARLATHOTEP SECONDA PARTE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>