Diana – La storia segreta di Lady D al cinema da oggi: foto, locandina e nuova clip

di Cinemaniaco Commenta

Diretto da Oliver Hirschbiegel, con Naomi Watts nel ruolo della indimenticabile principessa del Galles e Naveen Andrews nel ruolo del cardiochirurgo Hasnat Khan, esce oggi nelle sale cinematografiche italiane il biopic “Diana – La storia segreta di Lady D”.

Il biopic esce dunque a sedici anni di distanza da quel tragico incidente nel tunnel dell’Alma a Parigi. Assieme a Lady Diana perse la vita anche il compagno Dody, in circostanze ancora oggi giudicate non del tutto chiare. La figura della famiglia reale e il giudizio della stampa sul film, tuttavia, combaciano in pieno. La Regina e il suo ‘entourage’ si sono sempre opposti al movie.

Clip – La principessa del popolo

Come anticipato al centro del film, come da titolo, c’è la storia d’amore tra Diana e Hasnat Khan, chirurgo al quale è l’attore Naveen Andrews a dare il volto. Una storia d’amore, questa, occorsa negli ultimi anni di vita di Lady D. Dalle pagine del Times, e dunque non solo da Buckingham Palace, arrivano tuttavia critiche impietose. La sceneggiatura del film viene giudicata “Contorta e imbarazzante”.

Il Daily Mirror, tramite la firma di David Edwards dichiarò dopo la première londinese che il film è “uno sforzo scadente e infelice. Viene interpretato alla stregua di uno sceneggiato mattutino di Channel 5″. Edwards, inoltre, scrisse che “Diana è stata dipinta come una single disastrosa che persino Bridget Jones eviterebbe”.

In patria, dunque, non sono assolutamente concordi sulla delivery del film. C’è chi parla di ‘uccisione del ricordo’ di un simbolo dell’umanità, una donna che ha fatto dell’umiltà e della sua forza d’animo i punto di contatto tra la sua posizione regale e il mondo. Diana è morta ancora una volta? Agli spettatori del film l’ardua sentenza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>