Trieste Science+Fiction 2011: premi a Manetti Bros, Monsters e Stake Land

Si è concluso con un picco di oltre 15.000 presenze il Trieste Science+Fiction 2011. Eletto miglior lungometraggio in concorso per questa edizione il sorprendente low-budget Monsters del regista inglese Gareth Edwards (la nostra recensione in anteprima), che si aggiudica il Premio Asteroide 2011 assegnato da una giuria di esperti, presieduta dallo scrittore e sceneggiatore Sergio Altieri e composta dal produttore e regista Jan Doense e dallo scrittore Tullio Avoledo.

Tribeca Film Festival 2011, tutti i vincitori

Ieri in quel di New York sono stati consegnati i premi della decima edizione del Tribeca Film Festival, tra i giurati coinvolti nelle votazioni segnaliamo la giornalista israeliana Rula Jebreal, gli attori Whoopie Goldberg, Lauren Hutton, Michael Cera e i registi David Gordon Green, Atom Egoyan e Nora Ephron.

Dopo il salto trovate tutti i vincitori categoria per categoria, vi anticipiamo la vittoria come miglior film della pellicola svedese She Monkey e dell’israeliano Bombay Beach di Alma Har’el come miglior documentario.

Cesar 2011, presidente l’americana Jodie Foster

Si avvicina la serata che celebrerà la prestigiosa cerimonia dei Cesar 2011, praticamente gli Oscar francesi, che il prossimo 25 febbraio vedranno come presidente l’attrice e regista americana Jodie Foster.

Considerando l’importanza della cerimonia e che dal 1993 non si vedeva un presidente non francese della cerimonia, l’ultimo è stato il nostro Marcello Mastroianni, quello che vede la Foster presiedere la trentaseiesima edizione della premiazione è quasi un evento.

Oscar 2011, Biutiful di Inarritu è il candidato messicano

Torniamo a parlare degli Oscar 2011 e della corsa alle nomination per il miglior film straniero, stavolta è il Messico a comunicare ufficialmente il suo candidato all’ambita cinquina.

La scelta è caduta sull’intenso Biutiful di Alejandro Gonzalez Inarritu, pellicola che racconta attraverso il confronto tra due amici d’infanzia, ora su barricate opposte la piaga del traffico di esseri umani.

Giffoni Film Festival 2010, i vincitori

Anche la quarantesima edizione del Giffoni Film Festival ha chiuso i battenti e anche quest’anno il parterre di ospiti nostrani ed internazionali non ha certo deluso, con grandi nomi come Susan Sarandon, Sam Worthington e Samuel L. Jackson, prestigiose anteprime e film in concorso di notevole qualità, la rassegna campana ha nuovamente dimostrato di essere un imprescindibile punto di riferimento nel panorama del cinema per ragazzi.

Dopo il salto potrete consultare la lista completa delle pellicole vincitrici per ogni categoria che ricordiamo suddivise per età e giudicate in toto da giurie formate da ragazzi.

SAG Award 2010, tutti i candidati: la cinquina dei migliori attori sarà quella degli Oscar?

Anna Kendrick - George Clooney Tra le nuvole

Lo Screen Actors Guild ha comunicato le nomination per i SAG Award 2010, i premi dedicati esclusivamente agli attori. Alcune considerazioni: pur avendo ben tre attori in lizza, Tra le nuvole non è stato candidato come miglior cast; tra i migliori attori quatto su cinque sono gli stessi dei Golden Globe, quindi è probabile che questa sia la cinquina anche per gli Oscar; tra le attrici non protagoniste nuova doppietta di nomination per Tra le nuvole e, a sorpresa c’è anche Diane Kruger; assenti importanti sono Daniel Day Lewis (Nine) e Julianne Moore (A Single Man).

Vi lascio alla lista completa dei nominati. Per scoprire gli attori candidati ai premi delle categorie televisive tv vi invito a visitare Serietivu.

Locarno 2009, i vincitori

get.do []

Eccoci al podio d’onore del Locarno International Film Festival, il film premiato nella sezione principale Concorso internazionale con relativo Pardo d’oro è la pellicola cinese She, a chinese.

La regista Xiaolu Guo ci racconta le peripezie di una ragazza cinese in cerca di una dimensione in cui vivere che oltrepassi la quotidianità del suo piccolo villaggio, alla disperata ricerca del suo posto nel mondo.

Tilda Swinton presidente di giuria alla Berlinale

La rassegna cinematografica più importante di Germania, la Berlinale, che si terrà dal 5 al 15 febbraio 2009, ha scelto il presidente della giuria: Tilda Swinton. Il direttore Dieter Kosslick ha definito l’attrice scozzese, che succede nel ruolo a Costantin Costa-Gavras come:

Un’attrice meravigliosa, la cui presenza scenica ha influenzato in maniera profonda il cinema contemporaneo.

Gomorra e Into the Wild, migliori film d’essai 2008

Sono Into the wild di Sean Penn e Gomorra di Matteo Garrone, i vincitori del referendum Migliori film d’essai 2008, promosso dalla rivista ‘Vivilcinema’ e dalla Fice, federazione italiana cinema d’essai, in collaborazione con il Fac, comitato film arte e cultura.

La premiazione si svolgerà in occasione dell’ottava edizione degli Incontri del Cinema d’essai, in programma ad Asti dal 7 al 9 ottobre; I tributi saranno assegnati nella serata di mercoledì 8 ottobre.

Cinque film italiani rincorrono l’Oscar

Sono cinque i film candidati nella rincorsa all’Oscar 2009, da proporre all’Academy. Cinque opere che, da oggi, cominciano a sognare: Cover boy di Carmine Amoroso (Istituto Luce), Il divo di Paolo Sorrentino (Lucky Red), Giorni e nuvole di Silvio Soldini (Warner Bros), Gomorra di Matteo Garrone (Raicinema-Fandango), e Tutta la vita davanti di Paolo Virzi’ (Medusa). I film sono stati iscritti dalle rispettive produzioni alla segreteria dell’Anica, che li sottoporrà al giudizio della commissione di selezione.

La commissione, formata dal regista Gianni Amelio, lo scenografo Dante Ferretti, Gaetano Blandini, direttore del Ministero per i beni e le attività culturali, i critici Paolo D’Agostini e Fabio Ferzetti, i costumisti Piero Tosi e Gabriella Pescucci, e i produttori Riccardo Tozzi, Aurelio De Laurentiis, Conchita Airoldi, Grazia Volpi, Adriano De Micheli, Pio Angeletti, Francesco Pamphili e Angelo Barbagallo, si riunirà il prossimo 29 settembre.

Secondo i rumors più accreditati, sarà Gomorra a rappresentare l’Italia nella corsa all’Oscar, categoria “miglior film in lingua straniera”. Tutti gli indizi portano lì. La pellicola di Matteo Garrone sembra avere i requisiti ideali per piacere ai signori dell’Academy Awards. Ha incassato oltre 10 milioni di euro in patria, s’è aggiudicato il Gran Prix al Festival di Cannes, è stato venduto in sessanta Paesi, dietro di sé ha un libro noto dappertutto, può contare su una distribuzione americana, la Ifc, che lo farà uscire a dicembre.

Verso i primi giorni di ottobre, sapremo quale sarà la pellicola che dovrà difendere i colori italiani, nella speranza che il 22 gennaio 2009, quando l’Academy renderà note le cinquine finaliste, il titolo partenopeo figurerà tra i film in gara per la serata del 22 febbraio 2009.