BAFTA 2010, premiato I do air cortometraggio italiano

di Redazione 1

Ai BAFTA di quest’anno una nota tricolore nella lista dei premiati dalla critica inglese, si tratta del cortometraggio I Do Air girato a quattro mani dalla regista italiana Martina Amati e il regista inglese James Bolton.

La Amati è al suo quarto cortometraggio, gli altri lavori della cineasta milanese sono Altitude del 2005, Liquid del 2007 e A’Mare del 2008. I Do Air racconta di Emma una ragazzina che durante una sessione di nuoto in piscina palesa una gran paura dell’acqua, umiliata e impaurita si rifuggerà in uno spogliatoio e trattenendo il respiro inizierà un viaggio immaginario, scoprendo un mondo dove finalmente troverà il suo posto.

La regista trasferitasi nel 1996 in Inghilterra è una nuotatrice e apneista, ha voluto con questo corto unire la passione per l’acqua a quella per il cinema, e in quattro  minuti ha voluto raccontare l’alienazione, la fuga dalla realtà vista con gli occhi dell’infanzia. In coda al post un’intervista della regista fresca di premiazione.

Commenti (1)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>