Avengers: Endgame, i Russo parlano di Captain America

di Antonio Ruggiero 1

I fratelli Russo hanno rilasciato un'intervista riguardante Captain America in Avengers: Endgame, spiegando quanto è realmente accaduto

Avengers: Endgame continua a battere ogni record al botteghino e nel frattempo i registi Anthony e Joe Russo hanno rilasciato un’intervista, che trovate subito dopo il salto, dove spiegano un dettaglio riguardante Captain America, da non leggere in caso vogliate evitare spoiler.

Avengers: Endgame, intervista ai fratelli Russo

La decisione di Captain America di tornare indietro nel tempo e di vivere con Peggy, creando un passato con due Captain America è stato così spiegata dai fratelli Russo:

Le azioni di Captain America alla fine del film non sono state fatte perché voleva cambiare qualcosa, ma perché ha preso una scelta. Ha deciso di tonare indietro e vivere con la donna che ha amato per tutta la sua vita. Il suo viaggio nel tempo ha creato una realtà alternativa. Steve ha vissuto una vita completamente differente in quel mondo. Non sappiamo esattamente cosa sia successo nella sua vita, ma mi piace credere che abbia aiutato le altre persone quando c’era il bisogno. Si, c’erano due Captain America in quella realtà, proprio come spiegato da Hulk. Quello che succede nel passato è già successo. Se vai indietro nel passato, semplicemente crei una nuova realtà. I personaggi di questi film hanno creato nuove timeline quando sono andati indietro nel tempo, ma non hanno effetto sull’universo principale. Quello che è successo nei precedenti 22 film rimane canonico.Non si tratta di un loop temporale. Sia l’Antico che Hulk avevano ragione. Non puoi cambiare il futuro semplicemente andando indietro nel tempo, ma è possibile creare un differente futuro alternativo. Non esiste l’effetto farfalla. Ogni decisione che hai preso nel passato potrebbe potenzialmente creare una nuova timeline. Ad esempio, l’anziano Cap di fine film ha vissuto una vita con Peggy in un universo diverso da quello principale. Ha dovuto fare un altro viaggio indietro nel tempo per tornare nell’universo principale e dare lo scudo a Sam.

Sull’incontro tra Steve e Teschio Rosso che dovrebbe essere avvenuto durante il suo viaggio per riportare la gemma dell’Anima su Volmir e sulla reazione di Captain America di fronte a quello che è stato un suo nemico, i Russo hanno concluso:

Cap e Teschio Rosso non hanno combattuto perché la missione era riportare la gemma nel suo posto originale. Non si tratta più dello stesso teschio Rosso di Captain America il primo vendicatore. E’ più come un fantasma, un’entità nuova completamente differente. Esiste solo per vegliare sulla gemma. Il suo passato potrebbe non esistere più.

Commenti (1)

  1. Questo film mi ha assolutamente spiazzato. Non amo particolarmente quel tipo di fantascienza (io sono per 2001 o Blade runner) ma ho visto i capitoli precedenti. Li ho apprezzati, sia chiaro, ma non mi hanno entusiasmato. Il canovaccio era quello di sempre, seppur con una qualità maggiore, e non solo tecnicamente. Eppure, questo Avengers: Endgame mi ha lasciato basito. La scrittura, la cura dei personaggi, i risvolti umani e, perché no, romantici, non sono da film di supereroi. Film ironico e intelligente, traccia una strada nuova per il genere, e credo che questo non possa che far bene ai nostri ragazzi.
    https://silviocoppola.com/2019/05/01/20/43/09/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>