Totò, Peppino e… la malafemmina, recensione

 
Pietro Ferraro
18 agosto 2009
Commenta

TOTO PEPPINO E LA MALAFEMMINA 1 1 Totò, Peppino e... la malafemmina, recensione

Antonio Caponi (Totò) e suo fratello Peppino (Peppino De Filippo) sono due contadinotti di poca cultura e dal carattere opposto, il primo è spendaccione, truffaldino e donnaiolo, il secondo avarissimo e alquanto ingenuo, entrambi mantengono il nipote Gianni (Teddy Reno), studente di medicina, ma quest’ultimo invaghitosi di una ballerina lascia Napoli per seguirla nella tentacolare Milano.

La bellerina in questione, la bellissima Marisa (Dorian Gray), al contrario di quello che si potrebbe pensare è molto innamorata di Gianni e non gli permetterebbe mai di abbandonare gli studi, di altro avviso sono gli agguerritissimi fratelli Caponi che giunti a Milano hanno intenzione di convincere a suon di soldoni la bella Marisa a farsi da parte.

Così assisteremo al viaggio in terra straniera della coppia di fratelli, che sbarcati a Milano si infileranno in una sequela di spassosi equivoci che li porteranno a conoscenza della vera natura dell’amore che lega il nipote alla sensuale ballerina.

Camillo mastrocinque torna a dirigere Totò in un’annata d’oro per l’attore napolateno, è il 1956 e l’attore gira con il regista altri tre classici, Totò, Peppino e i fuorilegge, Totò, lascia o raddoppia? e lo strepitoso La banda degli onesti.

In Totò, Peppino e…la malafemmina l’accoppiata Totò/De Filippo sfoggia il top  del loro repertorio, alchimia a livelli epocali, uno script carico di verve, dialoghi spassosi, e sequenze da antologia del genere, su tutti la sequenza del vigile milanese e la mitica scena della dettatura della lettera ripresa e omaggiata molti anni dopo, da Massimo Troisi e Roberto Benigni nel classico Non ci resta che piangere.

Un vero classico senza tempo, protagonisti irresistibili, voglia di divertire e divertirsi, tanta esperienza da avanspettacolo che si trasforma in un’esilarante sequela di trovate e tormentoni indimenticabili ormai parte della storia della commedia all’italiana.

Di seguito tre link  per rivivere alcune memorabili sequenze cult del film.

La lettera

In piazza a Milano

La lettera versione Benigni/Troisi

Articoli Correlati
I soliti ignoti, recensione

I soliti ignoti, recensione

Una squadra di sgangherati ladruncoli di mezza tacca grazie ad una fortunosa dritta scippata in carcere ad un compare detenuto e dalla chiacchiera facile pensa di organizzare un colpo ai […]

Totò contro i quattro, recensione

Totò contro i quattro, recensione

Giornata da dimenticare quella del commissario di polizia Antonio Saracino (Totò) che dopo aver subito lo smacco di veder trafugata la sua auto nuova di zecca, dovrà affrontare una giornata […]

Chi si ferma è perduto, recensione

Chi si ferma è perduto, recensione

I ragionieri Antonio Guardalavecchia (Totò) e Giuseppe Colabona (Peppino De Filippo) amici e colleghi d’ufficio sono uniti dall’odio verso lo zelante capufficio Cesare Santoro (Luigi Pavese) che non manca di […]

La banda degli onesti, recensione

La banda degli onesti, recensione

Antonio Buonocore (Totò) è il portinaio di uno stabile che un bel giorno si ritrova per le mani quello che sembra essere un inaspettato colpo di fortuna, nonchè la svolta […]

Totò il comico più popolare per gli italiani, Jessica Rabbit la più sexy dell’animazione

Totò il comico più popolare per gli italiani, Jessica Rabbit la più sexy dell’animazione

Totò è il comico italiano più popolare di sempre, mentre Jessica Rabbit è la figura femminile più sexy dell’animazione: questi sono i risultati di due sondaggi, il primo fatto dal […]

Lista Commenti
Aggiungi il tuo commento

Fai Login oppure Iscriviti: è gratis e bastano pochi secondi.

Nome*
E-mail**
Sito Web
* richiesto
** richiesta, ma non sarà pubblicata
Commento