Unorthodox di Anna Winger e Alexa Karolinski è un piccolo capolavoro

di Kino Commenta

Da circa un mese tantissimi utenti non fanno che parlare di Unorthodox di Anna Winger e Alexa Karolinski, una miniserie in 4 episodi presente su Netflix. Tutti siamo rimasti colpiti da quel fotogramma in cui vediamo la giovane e indifesa Esther “Esty” Shapiro sorridere tra le lacrime mentre le vengono rasati i capelli a zero. Forse un’espressione di felice rassegnazione o forse un’implosione di rabbia, dolore e frustrazione.

Sta di fatto che l’attrice Shira Haas fa la sua parte con un talento che diventa una rivelazione: tutti empatizziamo con lei dalle prime battute. Raccontare le dinamiche di una famiglia ultra-ortodossa chassidica non è facile, non di certo se non le hai vissute dall’interno.

Unorthodox di Anna Winger e Alexa Karolinski, infatti, si ispira al romanzo autobiografico Ex ortodossa. Il rifiuto scandaloso delle mie radici chassidiche (Unorthodox: The Scandalous Rejection of My Hasidic Roots) di Deborah Feldman, che ha anche partecipato alle riprese. La riconquista di sé che Esty opera lungo i 4 episodi si svolge tra l’America di Williamsburg e l’Europa di Berlino. Esty ha 19 anni e la sua famiglia segue le rigide imposizioni ebree-ortodosse: le donne devono sposarsi e concepire subito, non possono indossare abiti corti né mostrare le braccia, non possono leggere la Torah e non possono cantare né studiare musica.

La non-vita di Esty a Williamsburg è un crescendo di asfissia spirituale: sposa Yanky e subisce la pressione della suocera per mettere al mondo un figlio, le regole la schiacciano e giorno per giorno vede la sua vita scivolare in un fossato di convenzioni che lei non ha scelto. Trova conforto in un’insegnante di musica e vola a Berlino. Lì troverà sua madre, ripudiata dalla comunità perché omosessuale.

Berlino diventa la Terra Promessa: Esty beve un caffè al bar, incontra un ragazzo che frequenta il Conservatorio, va a ballare, suona il piano e riprende in mano i suoi giorni. Qualcuno, però, la sta cercando.

La stratificazione emozionale di Unorthodox di Anna Winger e Alexa Karolinski è tremendamente reale, e questo lo dobbiamo soprattutto all’eccellente recitazione di Shira Haas, capace di farci credere di star provando davvero tutto quel dolore; ottima, infine, la scelta delle scene recitate in yiddhis, un ulteriore contributo al realismo massacrante della miniserie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>