The next three days, recensione in anteprima

Lara Brennan (Elizabeth Banks) all’indomani di una lite con una collega d’ufficio si ritrova in manette accusata di averla aggredita ed uccisa in un parcheggio colpendola con un estintore, nonostante la donna si professi innocente prove e circostanze inconfutabili la inchiodano con tanto di impronte digitali sull’arma del delitto.

L’unico che ancora sembra credere nella sua innocenza è il marito John (Russell Crowe) insegnante in un college, che mentre la moglie detenuta perde la speranza appello dopo appello, si occupa del loro figlioletto Luke che malsopporta l’assenza della donna e le centellinate visite in prigione a cui reagisce con un certo distacco, accentuando così le pene della madre.

Trascorsi tre anni e dopo l’ennesimo appello perduto, John prende il coraggio a due mani e decide di pianificare l’evasione della moglie, un piano tanto folle quanto ardito che inizia con una consulenza da parte di un mago delle evasioni ormai in pensione che in cambio di qualche dollaro istruisce Brennan su quello che si dovrà aspettare, sui molti rischi e sulle bassissime probabilità di riuscita, oltre che accennargli al fatto di finire in prigione a vita, se non si viene ammazzati prima.

The Next Three Days: nuove immagini, red carpet e video della premiere

Dopo la premiere londinese di Harry Potter e i doni della morte Parte I ecco un’altra premiere stavolta in quel di Hollywood per il thriller The next three days, il regista Paul Haggis premio Oscar per Crash-contatto fisico mette in scena un remake del film francese Pour Elle aka Anything for her di Fred Cavayé, che tra l’altro proprio questo mese viene edito in DVD dalla 01 Distribution.

Dopo il salto troverete una galleria fotografica con nuove sequenze del film che ritraggono i due protagonisti Russell Crowe ed Elizabeth Banks, foto del red carpet  del film con Olivia Wilde, Liam Neeson e Paul Haggis e a seguire un video con immagini della premiere. (foto Filmofilia/Zimbio)

The next three days, immagini del thriller con Russell Crowe

Quest’oggi vi proponiamo una serie di nuove immagini del thriller The next three days di Paul Haggis che vede protagonista Russell Crowe insieme ad Elizabeth Banks, Brian Dennehy, Liam Neeson e Olivia Wilde.

Il regista premio Oscar per Crash-Contatto fisico ripropone una versione made in Hollywood del film francese di Fred Cavayè Pour Elle (Anything for her) interpretato nel 2007 da Diane Kruger (Bastardi senza gloria) e Vincent Lindon (Welcome).

La trama ci racconta di un marito tanto disperato quanto determinato a trovare le prove che scagionino la moglie accusata di omicidio. Dopo il salto troverete le immagini, uscita italiana prevista per il 4 febbraio 2011.

Nella valle di Elah, recensione

in_the_valley_of_elah

Hank Deerfield (Tommy Lee Jones) è un militare tutto d’un pezzo, reduce del Vietnam e patriota devoto alla divisa, ha due figli che hanno seguito le sue orme nell’esercito, uno ha perso la vita l’altro, Mike (Jonathan Tucker) è appena rientrato dall’Iraq, ma una telefonata avverte Deerfield che il figlio, dopo una libera uscita non è più rientrato, e rischia di essere accusato di diserzione,

Deerfield non ha alcuna intenzione di vedere il nome di suo figlio infangato, e parte alla volta del Nuovo Messico in cerca di notizie e risposte sull’improvvisa scomparsa del figlio, qui si scontrerà con la parte più burocratica ed omertosa dell’esercito che ha servito per anni e per cui ha rischiato la vita, che si frapporrà tra lui e la verità, forse troppo scomoda per essere raccontata

Ad aiutare Deerfield contro questo immane muro di gomma la detective Emily  Sanders (Charlize Theron), frustrata e vessata dai colleghi, ma dotata di un intuito e di una sensibilità che gli  permetteranno di arrivare alla verità, mostrando e ricordando a Deerfield che la brutalità della guerra va ben oltre il campo di battaglia.

Ryan Phillippe: talento da thriller

Matthew Ryan Phillippe nasce New Castle (Delaware-USA) il 10 Settembre 1974, porta a termine gli studi presso la scuola battista di New Castle, discreto studente ed ottimo sportivo, tra gli sport praticati calcio, nuoto e Tae Kwon-Doe.

A quindici anni si appassiona alla recitazione, a diciassette un agente lo nota in un negozio di barbiere e lo porta a New York per alcuni provini. La sua prima parte importante è il ruolo di un ragazzo gay nella soap Una vita da vivere, Ryan fa parte del cast per due anni e nel 1993 si trasferisce a Los Angeles.

Dopo alcuni piccoli ruoli in serial e film tv, nel 1996 lo vediamo in L’Albatross-Oltre la tempesta di Ridley Scott, poi una serie di teen-movie tra cui i thriller So cosa hai fatto e Cruel intentions entrambi con Sarah Michelle Gellar e la commedia Studio 54 con Mike Myers e Salma Hayek.