Splice, gli effetti speciali

di Redazione Commenta

Oggi vogliamo dare uno sguardo dietro le quinte dell’imminente Splice, disturbante pellicola sci-fi diretta dal canadese Vincenzo Natali, già regista dell’intrigante ed ansiogeno Cube-Il cubo, che uscirà nelle sale il prossimo 13 agosto.

la storia racconta di due brillanti scienziati esperti genetisti che dopo aver superato il limite della manipolazione genetica ibridando diverse specie di animali, decidono di oltrepassare il confine e lavorare con geni umani ed animali, i loro saranno esperimenti fuorilegge e non autorizzati che porteranno alla creazione della affascinante Dren un ibrido che ben presto sfuggirà al loro controllo.

Il film di Natali è un piccolo gioiello di tecnica che come la sua Dren ibrida con una certa efficacia diverse tecniche come la CGI di ultima generazione, il make-up protesico tradizionale e performance live-action di attori in carne ed ossa che donano alla creature movenze naturali evitando l’effetto cartoonizzato visto in molte produzioni recenti.

Il numeroso team addetto agli effetti speciali vede tra i membri il supervisore agli effetti visivi Robert Munroe che in un’intervista al sito Underwire ha raccontato che per la versione baby di Dren e in particolare per la parte superiore del corpo si è scelto di ispirarsi alla fisionomia di diverse specie di volatili, per le gambe/zampe si sono scelti dei cavalli e infine per le movenze Munroe ha studiato il suo cane, un Golden Retrivier.

Per quanto rigurda la parte in cui si è utilizzato il make-up tradizionale con protesi e trucco a supervisionare il tutto è stato chiamato il veterano Howard Berger reduce dal set del sequel Predators. Natali intervenuto al recente Wonder-Con di San Francisco ha tenuto a precisrae che il suo non è un film contro la scienza e l’ingegneria genetica in generale, ma contro un suo eventuale abuso.

Il regista ha raccontato che ha lavorato con alcuni scienziati che hanno ricoperto il ruolo di consulenti affinchè la pellicola avesse un riscontro nella realtà e si è detto molto sorpreso nello scoprire che il suo film è risultato meno bizzarro e stravagante di molti esperimenti reali che al momento si stanno portando avanti e dei risultati a cui sono giunti in questi ultimi anni molti scienziati.

Di seguito troverete una ricca galleria fotografica e un bel video con una spettacolare sequenza tratta dal film.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>