Miracolo a Sant’Anna, recensione

di Redazione 1

In un prologo ambientato nel 1983 in un ufficio postale di New York, dove assistiamo all’omicidio perpetrato a sangue freddo da parte di un impiegato di colore su un cliente, seguiamo le indagini di un giornalista ed un detective all’indomani dell’assassinio scoprendo che l’omicida è Hector Negron (Laz Alonso), un veterano della seconda guerra mondiale e che nella sua casa celava una testa in marmo che ornava un famoso ponte di Firenze.

Con un flashback scopriamo il passato di Negron e ci ritroviamo a seguire una compagnia di soldati afroamericani durante la seconda guerra mondiale impegnati in un’incursione in territorio italiano, tra i soldati proprio Hector che insieme ai suoi commilitoni resterà isolato in piccolo paese degli Appenini, dove salverà un bambino di nome Angelo e si troverà a contatto con i civili del paesino e i partigiani nascosti nei dintorni, mentre i tedeschi stanno inesorabilmente avanzando verso di loro.

Il regista Spike Lee prosegue la sua incursione nel cinema di genere e dopo l’intrigante heist-movie Inside man, si approccia stavolta al genere bellico con tutto lo spessore che gli è proprio, ma questo non basta a far si che il regista risulti pienamente convincente nella messinscena, anche se indubbiamente riesce a catturare il fascino di molti classici del genere.

Miracolo a Sant’Anna è stato un flop di notevoli dimensioni, ma questo era prevedibile, Lee non ha il senso dello spettacolo di Spielberg ne l’esperienza sul campo di un Oliver Stone e il film non ha certo l’impatto e il cast di un Salvate il soldato Ryan, resta comunque il fatto che polemiche e inesattezze storiche a parte, Miracolo a Sant’Anna resta un film unico nel trattare la guerra vista dal punto di vista dei soldati afroamericani e che senza dubbio si tratta di una visione molto personale, di un regista che si approccia per la prima volta ad un genere dal background storico e filmico di proporzioni immani e il coraggio nel far questo è senza dubbio da lodare, nonostante si noti una certa difficoltà nell’adattare il proprio personalissimo stile al contesto e al genere.

Come accade spesso film di grandi registi che toccano tematiche difficili e soprattutto luttuosi eventi storici dividono la platea, tra bocciature senza riserve e chi invece ha esaltato la pellicola oltre il dovuto, noi ci poniamo invece nel mezzo considerando Miracolo a Sant’Anna un film comunque da visionare, ma che di certo non è, come ipotizzato da qualcuno trascinato da troppo entusiamo, il miglior film di Spike Lee.

Note di produzione: il film alla sua uscita suscitò qualche polemica da parte delle associazioni di partigiani e di alcuni sopravvissuti al tragico eccidio narrato nel film accusando il regista di non aver descritto i fatti come erano realmente avvenuti, nel cast italiano troviamo Pierfrancesco Favino e Valentina Cervi, il film costato 45 milioni di dollari ne ha incassati poco più di 9.

Commenti (1)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>