L’immensità: l’ultimo film con Penelope Cruz al Festival di Venezia

di Kino Commenta

L’immensità è il titolo del nuovo film di Emanuele Crialese, il regista di Respiro, Nuovomondo e Terraferma presentato alla settantanovesima edizione del festival di Venezia. Candidata al Premio Oscar penelope Cruz, attrice protagonista del film, che interpreta una donna, la cui identità è bloccata in un ruolo in cu non riesce più a riconoscersi. L’ambientazione tutta italiana è quella degli anni ’70, dei capelli cotonati, delle gonne ampie e dei lustrini. Un’Italia che è alle soglie di una nuova era, che cerca di lasciarsi alle spalle il conformismo e si sforza, per quanto possibile di essere rivoluzionaria e di abbracciare nuovi trend, nuove mode, nuove ideologie. Una specie di rinascita, che si colloca sullo sfondo del racconto, che è molto conforme alla struttura della storia.

 

Clara, interpretata da una magistrale Penelope Cruz che torna a recitare in lingua italiana, è una donna che si sente soffocata dal suo matrimonio ormai finito. Lei e suo marito Felice non si amano più: l’unica sua forza sono i suoi figli, su cui la donna riversa tutto il suo amore. A far crollare ogni equilibrio all’interno del nucleo familiare, è la ribellione di Adriana, la primogenita, una dodicenne alle prese con il cambiamento del suo corpo e del mondo intorno a lei. Adriana desidera essere un maschio e impone agli altri di chiamarla Andrea. A seguire ogni suo passo, è sua madre. Le due hanno un rapporto simbiotico: anche Adriana è empatica nei confronti di Clara, solo lei in grado di capire i suoi sorrisi, i suoi dolori, le sue espressioni i suoi cambiamenti. Sarà la rivoluzione di queste due figure, a mettere in crisi tutto l’equilibrio familiare, fino a definirne la rottura.

 

Lo stesso regista, ha descritto il suo lavoro con amore, enfatizzando la bravura di Penelope Cruz, attrice capace di mettere in risalto se stessa e i giovanissimi attori con cui ha collaborato sul set. Penelope Cruz, che ha la bellezza di una donna, in parte rotta, in parte pronta alla libertà e alla rinascita, e la bellezza di una madre, che per amore dei suoi figli, farebbe qualsiasi cosa, nel senso più stretto del concetto. La storia di una famiglia che cambia e di una società che cambia: l’immensità è un film di rara bellezza, è una perla, apprezzatissima dalla critica, che sarà amata e custodita anche dal pubblico. Eterna bellezza ed eterna verità, tutto in una sola pellicola.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>