Comic-Con 2010, panel Cowboys & Aliens, Green Lantern e Resident evil: Afterlife 3D

di Pietro Ferraro Commenta

Ultimo giorno al Comic-Con di San Diego, mentre proseguono eventi e proiezioni noi continuiamo con il riportarvi sunti dei panel più interessanti di questi ultimi giorni, per l’occasione ci occupiamo del cinefumetto di Jon Favreau Cowboys & Aliens, del supereroe Green Lantern e del sequel in 3D Residenti evil: Afterlife.

Panel Cowboys & Aliens:

Di cosa si tratta: tratto da una graphic-novel di Scott Mitchell Rosenberg il film che mescola in maniera singolare fantascienza e western, racconta dell’arrivo sulla Terra nel tardo 1800, nell’ovest americano di alcuni alieni, che si ritroveranno nel bel mezzo del conflitto tra indiani e cowboy.

Cast & Crew: diretto da Jon Favreau (Iron Man 2) nel cast troviamo Harrison Ford, Daniel Craig, Sam Rockwell (Moon), Olivia Wilde (Dr. House), Noah Ringer (The Last Airbender).

Il panel: Apre le danze il regista Jon Favreau che ringrazia il pubblico per il successo di Iron Man 2, poi da buon anfitrione convoca sul palco le guest della giornata gli attori Daniel Craig, Olivia Wilde, Sam Rockwell, Adam Beach e gli sceneggiatori Bob Orci e Alex Kurtzman. Seguono cinque minuti di applausi per Harrison Ford alla sua prima apparizione al Comic-Con. A Craig viene chiesto se il prossimo film di Bond si farà, l’attore risponde che ci sono problemi, ma che spera di iniziare le riprese al più presto. Seguono alcune clip ancora grezze, ricordiamo che il film è in piena lavorazione. Favreau ha dichiarato di ispirarsi nonostante la connotazione fantascientifica a registi squisitamente western come Sergio Leone e John Ford. Harrison Ford si dice sorpreso di trovarsi a girare un film come questo, Favreau parla di CGI ridotta all’osso per quanto riguarda la realizzazione degli alieni, quindi animatronica e make-up anni’80 e il computer solo in fase di rifinitura. Il film si sta girando in formato standard, il digitale ha precisato Favreau mal si addice al genere western, quindi dovremo aspettarci una conversione in 3D. Il film sarà nelle sale il 29 luglio 2011.

Panel Green Lantern:

Di cosa si tratta: basato su un famoso supereroe DC il film ci racconta di Hal Jordan, primo essere umano ad essere reclutato nelle Lanterne verdi, guardiani della pace e dell’equilbrio dell’universo, equilibrio messo a rischio dal malvagio Parallax un nuovo e potente nemico.

Cast & Crew: diretto da Martin Campbell (La maschera di Zorro) con Ryan Reynolds (Ricatto d’amore), Blake Lively, Tim Robbins.

Il panel: presenti sul palco il regista Martin Campbell, lo sceneggiatore Greg Berlanti, il disegnatore Geoff Johns e gli attori Ryan Reynolds, Blake Lively, Peter Sarsgaard e Mark Strong. Dopo una spettacolare clip introduttiva Reynolds sracconta di essersi ispirato allo Han Solo di Harrison Ford per il suo ruolo, Campbell invece parla del costume e anticipa di aver tolto solo i guanti rispetto al look originale, parla di un costume muscolare e molto aderente, ci sta lavorando uno dei costumisti de Il signore degli anelli. Johns anticipa che si vedranno oltre 3600 lanterne verdi e ci saranno tutti i personaggi più amati e conosciuti dai fan del fumetto e ricorda dieci anni or sono quando qualcuno durante le prime fasi del progetto propose un Green Lantern senza anello, da qui si può capire la lunga gestazione. Qualcuno del pubblico chiede ai presenti quale personaggio immaginario vorrebbe essere, Reynolds un Wookie come Chewbacca, La Lively opta per Harry Potter, Sarsgaard punta alto e sceglie Capitan America. Reynolds preparatissimo su richiesta di uno spettatore recita il giuramento delle Lanterne verdi, firma un libro ad un piccolo spettatore e regala ad un altro l’anello che indossa.

Panel Resident evil Afterlife:

Di cosa si tratta: quarto capitolo di una fortunata serie tratta da un famoso videogame action-horror Capcom, in questo nuovo capitolo Alice prosegue la sua ricerca di sopravvissuti in un cupo scenario post-apocalittico in cui il virus dell’Umbrella Corporation ha distrutto l’ecosistema e trasformato la maggioranza della popolazione in famelici zombie.

Cast & Crew: il film è girato e non riversato in 3D, diretto da Paul WS Anderson (Mortal Kombat) nel cast Milla Jovovich, Ali Larter (Heroes), Wentworth Miller (Prison Break), Sienna Guillory (Inkheart), Shawn Roberts (Jumper).

Il panel: dopo una clip introduttiva in 3D salgono sul palco il regista Paul WS Anderson e gli attori Milla Jovovich, Ali Larter e Wentworth Miller. la Jovovich parla di una Alice più umana e determinata più che mai a fermare la Umbrella, Ali Larter è una fan sfegatata del 3D e Anderson è felice di tornare in veste di regista nella serie che ha contribuito a lanciare. Miller racconta della difficoltà iniziale di inserirsi in un franchise già consolidato e tanto popolare, la Jovovich anticipa che per il film ha esagerato e promette stunt folli. Anderson spiega l’approccio completamete diverso alla ripresa quando si lavora in 3D e parla del formato come un punto di riferimento per il cinema del futuro. Segue altra clip in cui si riconosce il boia, personaggio del videogame Resident evil 5. Anderson spiega che il formato 3D e le molteplici location in cui si è girato che davano al film un respiro più ampio lo hanno spinto a pensare di essere l’unico in grado di affrontare questa nuova avventura. Il regista confessa di essere un fan di Resident Evil 5 e per questo troveremo molto di questo videogame nel film. Miller che interpreta Chris Redfield confessa di non aver mai giocato al videogame, ma per prerpararsi al personaggio ha frequentato molti forum di fan e blog per sentire come veniva descritto, poi ha letto il suo background aggiungendovi naturalmente qualcosa di suo. Miller parla anche del rapporto del suo personaggio con la sorella Claire interpretata da Ali Larter che lascia intravedere un lato più morbido di Chris.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>