Cannes 2014: oggi è la volta di Sissako e Leigh

di Redazione Commenta

Oggi al Festival di Cannes 2014 è stata la volta dei film “Timbuktu” di Abderrahmane Sissako e “Mr. Turner” di Mike Leigh.

Per quanto riguarda il film di Abderrahmane Sissako si può dire che nelle mani di un maestro l’indignazione e la tragedia possono essere resi ancora con lucidità e acume, mettendo da parte l’isteria in favore di toni più profondi e riccamente sfumati.

L’abilità del maestra sta nel rendere magnetici e dignitosi i suoi personaggi e “Timbuktu” conferma inequivocabilmente il suo status di vero umanista del cinema contemporaneo.

Ambientato nei primi giorni dell’invasione jihadistanel nord del Mali del 2012, il film è una potente condanna all’intolleranza e al suo annientamento della diversità, denunciata in modo netto.

Ecco una clip di Timbuktu

Toni diversi per il film di Leigh, “Mr. Turner”, alla sua quinta volta a Cannes. Il film naturalmente racconta di William Turner, il controverso artista del 19° secolo. Queste le parole di Leigh:

Turner come personaggio è avvincente. Voglio esplorare l’uomo, la sua vita lavorativa, le sue relazioni e come ha vissuto. Ma ciò che mi affascina di più è il dramma che sta nella tensione tra questo artista eccentrico ed ossessionato e l’epico mondo senza tempo che ha evocato nei suoi capolavori.

Ecco una clip di Mr. Turner

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>